Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Chiesa

Come si celebrava la Messa nel II secolo?

PD

Primeros Cristianos - pubblicato il 12/01/18

L'Eucaristia nella Chiesa Primitiva

L’Eucaristia si celebrava sempre alla fine di un servizio di letture, salmi, preghiere e prediche, che era una mera continuazione del servizio della sinagoga. È quella che in seguito è diventata nota come Liturgia dei Catecumeni. Seguiva quindi l’Eucaristia, alla quale erano presenti solo i battezzati.

Ciò viene confermato dal testimone Giustino martire (morto verso l’anno 164), che descrive cosa aveva visto a Roma. Il passo che viene citato spesso è:
“LXV. 1. Conduciamo chi crede e si unisce a noi, dopo averlo battezzato, da quelli che si chiamano i fratelli, dove ci si riunisce per recitare preghiere in comune per colui che è stato illuminato e per tutti coloro che si trovano in qualsiasi luogo. 2. Quando finiscono le preghiere ci salutiamo tra noi con un bacio. 3. Poi si portano pane e una coppa di acqua e vino a colui che presiede i fratelli, che dopo averli ricevuti eleva lode e gloria al Padre di tutto attraverso suo Figlio e lo Spirito Santo e recita una lunga azione di grazie per essere stati degni di queste cose attraverso di Lui; quando terminano queste preghiere e queste azioni di grazie, tutti i presenti esclamano ‘Amen’. 4. Quando colui che presiede ha reso grazie (eucharistesantos, un nome tecnico per l’Eucaristia) e tutto il popolo ha risposto, quelli che chiamiamo diaconi distribuiscono il pane, il vino e l’acqua attraverso cui si è realizzata l”azione di grazie’ (Eucaristia) perché vengano provati dai presenti, e li portano agli assenti.
Questo cibo è chiamato da noi Eucaristia (segue il noto passo sulla Presenza Reale). LXVII. Il giorno che si chiama Domenica si fa una riunione di tutti coloro che vivono nelle città e nelle campagne e si leggono i commenti degli apostoli e gli scritti dei profeti per tutto il tempo in cui si può. 5. Poi, quando il lettore ha terminato, colui che presiede ci ammonisce con un discorso e ci esorta a imitare quelle cose gloriose. 6. Poi ci alziamo tutti e recitiamo delle preghiere, e come si è detto in precedenza alla fine della preghiera si portano pane, vino e acqua, colui che presiede eleva preghiere di azione di grazie per gli uomini, il popolo conclude dicendo ‘Amen’ e si dà a ciascuno una frazione di Eucaristia e si invia agli assenti mediante i diaconi. A nessuno è lecito partecipare all’Eucaristia se non crede che siano vere le cose che insegniamo e non si è purificato in quel bagno che dà la remissione dei peccati e la rigenerazione, e non vive come Cristo ci ha insegnato. Perché non prendiamo questi cibi come se fossero un pane comune o una bevanda ordinaria, ma come Cristo, nostro salvatore, si è fatto carne e sangue per la nostra salvezza, allo stesso modo abbiamo imparato che il cibo sul quale è stata recitata l’azione di grazie, che contiene le parole di Gesù e con cui si alimentano e si trasformano il nostro sangue e la nostra carne, è proprio la carne e il sangue di quello stesso Gesù che si è incarnato. Gli apostoli, in effetti, nei loro trattati chiamati Vangeli ci raccontano che così è stato ordinato loro quando Gesù, prendendo il pane e rendendo grazie, ha detto: ‘Fate questo in memoria di me. Questo è il mio corpo’. Poi, prendendo allo stesso modo tra le mani il calice, ha reso grazie e ha detto: ‘Questo è il mio sangue’, dandolo solo a loro. Da allora continuiamo a ricordarci gli uni gli altri queste cose, e chi ha dei beni accorre in aiuto di chi non ne ha e rimaniamo tutti uniti. E ogni volta che presentiamo le nostre offerte lodiamo il Creatore di tutto attraverso suo Figlio Gesù Cristo e lo Spirito Santo”.

San Giustino. Lettera all’imperatore Antonino Pio, anno 155.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
chiesa primitivaliturgia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni