Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Tre chiese vengono attaccate e ricevono minacce prima della visita del Papa in Cile

Facebook Accidentes Chile
Condividi

“Papa Francesco, le prossime bombe saranno contro la tua tonaca”

“Non ci sottometteremo mai al dominio che volete esercitare sul nostro corpo, sulle nostre idee e sulle nostre azioni, perché siamo nati liberi di decidere la via che vogliamo intraprendere. Contro ogni religioso e predicatore. Corpi liberi, impuri e selvaggi. Attacchiamo con il fuoco del combattimento facendo esplodere la vostra morale disgustosa”, afferma uno degli opuscoli trovati in uno degli attacchi alle chiese cilene che hanno avuto luogo all’alba di questo venerdì a Santiago del Cile. “Papa Francesco, le prossime bombe saranno contro la tua tonaca”, conclude il testo.

https://twitter.com/ClaudioManci10/status/951738448850968576

Tre gli attacchi incendiari: contro la chiesa di Santa Elisabetta d’Ungheria alla Stazione Centrale, la cappella Emmanuel a Recoleta e la cappella Cristo Vendedor a Peñalolén. Nei primi due casi è stato trovato lo stesso opuscolo minaccioso, nel terzo non c’era alcun tipo di propaganda.

C’è un quarto luogo nella capitale, la parrocchia Santuario di Cristo Povero, in cui è stata trovata una tanica. I membri del Gruppo Operazioni Speciali (GOPE) stanno indagando sugli attacchi per verificare un possibile collegamento e scoprirne gli autori.

Il Presidente del Cile Michelle Bachelet si è espresso contro gli attentati in un’intervista rilasciata a Radio Oasis: “I fatti sono molto strani, perché non è qualcosa che si possa far risalire a un gruppo specifico, si parla di ‘corpi liberi’ e cose del genere”.

La Bachelet riconosce che ci può essere chi non vede di buon occhio la visita del Pontefice: “Ciò che mi è stato detto è che ad esempio in Colombia ci sono stati gruppi che erano in contatto con un cartello locale. In democrazia la gente può esprimersi, a patto che lo faccia in modo pacifico e adeguato”.

Il Governo cileno presenterà una denuncia contro i fatti, e il sottosegretario agli Interni, Mahmud Aleuy, ha annunciato che si indagherà sull’accaduto.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.