Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Il giorno in cui Sant’Antonio predicò e i cardinali sperimentarono qualcosa di straordinario

Wikimedia
Sant'Antonio da Padova, opera di Sanzio da Varallo
Condividi

Quel giorno rimasero tutti ammirati, come se si stesse verificando una nuova Pentecoste

Papa Gregorio IX (1227-1240) conosceva bene l’Ordine francescano, e come lui molti cardinali desideravano ascoltare le prediche di Sant’Antonio.

I Fioretti, una raccolta di racconti miracolosi su San Francesco e i suoi frati, riferisce un fatto accaduto a Roma. Una volta Sant’Antonio predicò in un concistoro (riunione di cardinali) per porporati di tutto il mondo.

Pieno di Spirito Santo, presentò la Parola di Dio in modo così chiaro e con tale prudenza, pietà, chiarezza e comprensione che tutti i presenti compresero le sue parole nelle proprie lingue madri, come se stesse parlando a ciascuno nella lingua di questi. Tutti rimasero estremamente meravigliati, come se si stesse verificando una nuova Pentecoste. Il Papa stesso disse: “Questi è davvero l’Arca del Testamento e lo scrigno della Sacra Scrittura”.

Sant’Antonio diceva che “parla in varie lingue chi è pieno dello Spirito Santo. Le diverse lingue sono la testimonianza che dobbiamo offrire a favore di Cristo, ovvero umiltà, povertà, pazienza e obbedienza. Quando gli altri vedranno in noi queste virtù, staremo davvero parlando loro. Il nostro linguaggio è penetrante quando sono le nostre azioni a parlare. La nostra vita è così piena di belle parole e tanto vuota di opere buone!”.

Non è un caso che Sant’Antonio sia stato chiamato “Arca del Vangelo”.

Questo è stato uno dei tanti prodigi realizzati dal santo durante la sua vita.

(Tratto dal libro Santo Antônio – Arca do Evangelho, di Felipe Aquino, ed. Cléofas)

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni