Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Un sacerdote celebra la Messa con l’aiuto di apparecchiature mediche… per un motivo incredibile

Condividi

Aveva qualcosa di molto importante da dire

“Com’è stato il tuo 2017? Il mio è stato uno dei migliori anni della mia vita e del mio ministero, se non il migliore. È stato un anno di grandi sfide, di molte lotte e belle conquiste. È stato l’anno in cui sono andato in Cielo. Ricordate: il 27 maggio, il giorno in cui sono entrato in terapia intensiva, ho avuto la grazia di arrivare alla porta del Cielo… Ma molta gente ha pregato per me, voi compresi, e sono tornato. Amen. Gloria a Dio!

Dico che è stato uno degli anni più felici della mia vita perché sono andato in Cielo e anche perché la malattia mi ha insegnato alcune cose. Con le prove della vita alcune persone peggiorano (e peggiorano la loro famiglia, la loro comunità, la società…) Penso che io, per grazia di Dio, sono migliorato un po’. La malattia mi ha fatto pregare di più, mi ha reso più paziente, umile e misericordioso con i fratelli. Se prima mi piaceva sorridere, ora sorrido ancor di più.

Se, grazie a Dio, avevo già una buona scala di valori (non sono nato in una culla d’oro, né Gesù, ma come Lui ho una famiglia d’oro), con la malattia è migliorata: ho iniziato a valorizzare maggiormente la vita, la famiglia, gli amici, la comunità, il tempo che Dio mi dà.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni