Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Holly è morta a 27 anni, innamorata della vita: è un dono fragile e prezioso

HOLLY BUTCHER
Condividi

La sua lettera postata su Facebook è una dichiarazione di amore e di gratitudine per la bellezza dell'essere vivi, dell'amore, della natura, della musica. E un monito a pensare all'essenziale

Holly si arroga il diritto di farci una bella lavata di capo e ci intima di smetterla di lamentarci e di perdere tempo prezioso.

Ha solo 27 anni e sta per morire, quando su Facebook scrive queste righe. E ha ragione da vendere.

La sua malattia così aspra e feroce deve averle tolto, non senza dolore, diversi strati di protezione e di remore. Non ha paura di dire quel che pensa davvero della vita e delle cose che ora, da quella prospettiva vertiginosa, vede nella loro verità. Di ciò che conta davvero. E non fa come la volpe con l’uva che ora non può più prendere.

A lei continua a piacere parecchio ma sa che non potrà più prenderla né mangiarla. Non almeno in questa valle nella quale versiamo, è vero, diverse lacrime, ma che è pure piena di fiori, distese d’erba, manti azzurri o blu scuro, là nel cielo, a seconda se il sole sia sorto o tramontato. E tutto questo, lei ora lo vede, sa di prodigio, di dono, di bellezza abbondante e stupefacente. E immeritata.

«I’m 27 now. I don’t want to go. I love my life. I am happy… I owe that to my loved ones. But the control is out of my hands»

(Ho 27 anni ora. Non voglio andare. Io amo la mia vita. Sono felice…Lo devo ai miei cari. Ma la cosa è al di là del mio controllo).

E ora che ogni tanto ha bisogno, ha desiderio di parlare della morte dal momento che sa che la cosa la riguarda da vicino trova che sia un tabù. Peccato, perché la cosa riguarda tutti mentre invece, nota Holly, sembra quasi che la cosa non accadrà mai a nessuno. Mentre invece, se presa in considerazione, è un’ottima alleata per la vita e la rende più intensa e gustosa.

Un memento mori se non semper almeno una tantum sarebbe salutare!

«I just want people to stop worrying so much about the small, meaningless stresses in life and try to remember that we all have the same fate after it all so do what you can to make your time feel worthy and great, minus the bullshit».

(Voglio solo che la gente la smetta di preoccuparsi tanto dei piccoli e insignificanti stress nella vita e cerchi di ricordare che tutti abbiamo lo stesso destino, dopo tutto. Quindi fate quello che si può fare per rendere il vostro tempo degno e grande e lascia stare le stronzate)

Si era sempre immaginata sposata, con dei figli e si era pure vista invecchiare, con le rughe, sullo schermo della mente. Voleva farlo con l’amore della sua vita ma ora è chiamata a rinunciare a questo, ad un desiderio così naturale, umano e intenso che ne sente dolore fisico.

«Those times you are whinging about ridiculous things (something I have noticed so much these past few months), just think about someone who is really facing a problem. Be grateful for your minor issue and get over it. It’s okay to acknowledge that something is annoying but try not to carry on about it and negatively effect other people’s days».

(Quando ti stai lamentando di cose ridicole -qualcosa che ho notato così tanto negli ultimi mesi-, pensa solo a qualcuno che sta davvero affrontando un problema. Sii grato per il tuo piccolo problema e superalo. Non rimuginare continuamente su qualcosa di fastidioso e non influenzare negativamente le giornate degli altri. Pensa a quanto sei fortunato a essere in grado di fare proprio questo. Respira.)

Con lucidità e precisione Holly passa al grande vaglio della morte imminente le cose che davvero contano nella vita. Ha urgenza di convertire anche gli altri a questo sguardo; vuol proprio far girare la testa dalla parte giusta a quanta più gente possibile perché ora lei vede bene cosa conta e cosa no. Il cielo blu, l’aria che entra nei polmoni, il verde delle foglie. Ogni respiro, valgono più di una miniera di diamanti.

Anche quando parla dei soldi fa una riflessione intelligente ed equilibrata. Non sono inutili, ma piuttosto che spenderli per prenderci un altro vestito o delle cose per noi  stessi, usiamoli per comunicare agli altri che li amiamo. Per dare agli altri e così avere anche noi una grande ricompensa.

Chissà se l’ha imparato dal Vangelo o dall’altro libro di Dio che è la Creazione, compresi noi stessi?

Dice Gesù: “E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede”»(Lc 12,15)

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.