Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Chiesa

L'incoraggiamento del Papa al ragazzo cardiopatico: non mollare, metticela tutta!

POPE HOSPITAL

ServizioFotograficoOR - CPP

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 10/01/18

Nicola Bracaccia ha avuto delle gravi complicazioni dopo l'intervento al cuore. I genitori: il pontefice è venuto ad abbracciare gli ultimi

Nicola Bracaccia, ragazzo di appena 16 anni di Porano, in provincia di Terni, ricoverato da alcuni mesi all’ospedale pediatrico Bambino Gesù, non credeva ai propri occhi quando venerdì 5 gennaio è venuto a fargli visita Papa Francesco.

Il Pontefice, come consuetudine nei Venerdì della Misericordia inaugurati durante il Giubileo di due anni fa, ha fatto una visita a sorpresa ai pazienti del nosocomio romano.

Un dono, una carezza, un sorriso

Il Papa è entrato con discrezione in ogni stanza, fermandosi praticamente in tutti i reparti. A ognuno ha porto un dono, regalato una carezza e un sorriso, ha chiesto informazioni sul loro stato di salute. Ai genitori, invece, un abbraccio e una parola di conforto per dare forza nel momento della prova e della malattia per la loro famiglia.

«A Nicola – racconta Marco, papà di Nicola, a Vivi Orvieto (8 gennaio)ha portato un gioco con le carte e avvicinandosi a lui gli ha detto di non mollare e di mettercela tutta. Dopo aver saputo dai medici di quale patologia soffrisse, ci ha stretto forte la mano invitandoci ad avere forza, fede e coraggio. E’ stato un momento semplice ma molto toccante».




Leggi anche:
Papa Francesco incontra gli ammalati: “adesso accomodatevi tranquilli”

“Ne può uscire vincitore”

Nicola, dopo aver subito un intervento al cuore, a causa della lunga permanenza in terapia intensiva, in coma farmacologico, ha subito dei danni al sistema nervoso periferico che gli hanno provocato delle neuropatie. «Per ora – spiega Marco – non può mangiare, non può parlare, non cammina e una mano è in parte paralizzata. Si spera che sia un quadro transitorio, ma per ora solo il tempo e la riabilitazione possono dare delle risposte. I medici sono molto fiduciosi, avrà tanto da lavorare, ma se si impegna, e lo farà perché è fortissimo, ne può uscire vincitore».




Leggi anche:
Papa Francesco: “Vorrei stare vicino a ogni bambino ammalato e fare silenzio”

“E’ venuto ad ascoltare gente normale e sofferente”

Il papa, invece, «è voluto venire qui, dove si respira la rabbia, a volte la rassegnazione, molto spesso la speranza e purtroppo anche la sofferenza – evidenzia il padre di Nicola – Poteva scegliere di andare in qualche altra sede dove c’è l’eccellenza medica, la sperimentazione, l’evoluzione tecnologica, invece no. È venuto a sentire il calore della gente che non cerca gloria, che non cerca fama ma cerca soltanto la normalità».

“E’ venuto da quelli che non pensano al denaro”

Papa Francesco «è venuto a provare cosa significa essere gli ultimi, i più fragili – conclude questa bella riflessione Marco – quelli che non pensano al denaro o al potere per essere felici, ma vogliono solo essere parte di questo mondo così imperfetto per sembrare semplicemente normali».

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
malatiospedale bambino gesupapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni