Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 09 Marzo |
San Giovanni di Dio
home iconStile di vita
line break icon

Il cioccolato diventerà un alimento raro?

Pixabay

Silvia Lucchetti - Aleteia Italia - pubblicato il 10/01/18

Gli esperti affermano: la pianta del cacao potrebbe estinguersi a causa dei cambiamenti climatici, dello sfruttamento dell'uomo e della crescente richiesta da parte del mondo asiatico

Dite la verità: mentre leggete l’articolo state gustando contemporaneamente una barretta di cioccolato, prezioso residuo della calza della Befana? Quale preferite? Fondente? Al latte? Fondente al peperoncino? All’arancia?

Cari amanti del cioccolato, golosi di tutto il mondo, cioccolato dipendenti… la notizia che stiamo per comunicarvi forse vi allarmerà: sembra che i cambiamenti climatici stiano incidendo negativamente sulla vita e sullo sviluppo delle piante di cacao, lo affermano gli esperti del National Oceanic and Atmospheric Administration, l’agenzia federale statunitense che si interessa di meteorologia (Huffpost.it), questo insieme alla pressante richiesta di cioccolato da parte del mercato asiatico potrebbe portare nel giro di qualche decennio alla sua scomparsa.

2050: ultimo anno per la raccolta?

Secondo gli esperti il 2050 potrebbe essere l’anno dell’ultimo raccolto, per questo gli scienziati sovvenzionati dall’industria dolciaria, ci informa Repubblica, si stanno adoperando per correre ai ripari. Infatti i ricercatori dell’Università della California stanno collaborando con Mars Company per tentare di salvare le colture. Nell’edificio di bioscienze dell’Università un gruppo di studiosi guidati da Myeong-Je Cho, direttore del dipartimento di genomica vegetale, ha messo in serre refrigerate una serie di piantine verdi che saranno in grado di sopravvivere e di prosperare nell’essiccatore con un clima caldo ed adeguato perché fortificati dall’immissione di geni CRISPR (Repubblica.it). Grazie alle modifiche nel dna di alcune varietà di cacao apportate dai ricercatori l’industria cioccolatiera potrà forse guardare con speranza al futuro del cioccolato.




Leggi anche:
Le 7 marche di cioccolato che sfruttano il lavoro minorile

Dove crescono le piante di cacao?

La crescita delle piante di cacao avviene in territori che hanno specifiche qualità: un’umidità compresa tra il 70 e il 100 per cento e pioggia abbondante. La maggior parte di esse viene coltivata in Costa d’Avorio e in Ghana, da dove arriva oltre il 50 per cento di tutto il cacao che si consuma nel mondo. Tali condizioni potrebbero venire meno a causa dell’aumento previsto della temperatura, di oltre due gradi entro 30 anni.

Shutterstock

I maggiori produttori di cioccolato

Il cacao in questi ultimi anni, anche a causa dello sfruttamento da parte dell’uomo, ha cominciato a scarseggiare costringendo paesi come Costa d’Avorio, Ghana, Camerun e Nigeria (che sono i maggiori produttori di cioccolato al mondo) a cercare nuove zone per coltivarlo e salvare la loro economia.




Leggi anche:
Qual è il ruolo della cioccolata nella storia della Chiesa?

Il cioccolato a rischio estinzione?

Sempre l’Huffington Post ci informa che in occidente in media il tipico consumatore di cioccolato si ciba di 286 barrette all’anno, che equivalgono a circa dieci piante di cacao. Questi numeri parlano chiaro e ci dicono che il cioccolato diventerà un alimento estremamente raro.

Tags:
cambiamenti climaticicioccolato
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni