Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Da quando non uso più la pillola anticoncezionale sto decisamente meglio”

Condividi

L’esperienza delle donne che approdano ai metodi di regolazione naturale della fertilità e ne guadagnano in salute: basta emicrania, normalizzazione dei livelli di colesterolo, riduzione rischio trombosi, risveglio della libido

di Maria Dolores Agostini

Stavo giusto pensando, ieri, chissà cosa succederebbe se qualche donna, qui in Italia, ci raccontasse come è stato il passaggio dai metodi contraccettivi ormonali ai metodi naturali, o come se l’è passata male quando prendeva la pillola, e, guarda le coincidenze, ricevo una telefonata, dalla Calabria.

Chiara mi racconta la sua storia, ha trovato il mio numero sugli elenchi delle insegnanti ed è felice di conoscere la sua fertilità, di cui, a quanto riesco a capire al telefono, s’intende già abbastanza bene.

«Da quando ho smesso la pillola Yaz, della Bayer, sto molto meglio, non soffro più di emicrania con aura. Come? Non sai cosa sia? Molto meglio per te! Poi il colesterolo che era schizzato alle stelle, fino a 315, è tornato nella norma dopo la sospensione del contraccettivo. C’è voluto un anno però! Ho dovuto anche provare la dieta, tante volte fosse stato colesterolo alto in dipendenza dal cibo, invece no, solo togliendo la pillola è calato. Avevo i valori sballati anche dell’omocisteina e quella, si sa, può portare alla trombosi. Anche la spirale non mi piace, me l’hanno proposta ma non fa per me, poi se ci sono ormoni mi ritrovo di nuovo nelle condizioni disagevoli in cui ero».

Questo è uno dei tanti racconti che sento, per altro molto soft visto che il problema si è risolto con un po’ di fatica, ma abbastanza semplicemente. Non è per tutti così… Addirittura mi hanno detto che si cerca di convincere le donne ad accettare la prescrizione della pillola in virtù delle sue “qualità antitumorali”: se è vero che può ridurre l’incidenza di carcinoma all’endometrio, è anche verità che aumenta l’incidenza del tumore della mammella, quindi vedete un po’ che il problema dell’insorgenza tumorale è forse quello più difficile da valutare.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni