Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Bambina mia cara, perdonaci e cerca di essere migliore di noi

© Shutterstock
Condividi

La lettera di un padre separato alla figlia: amarezza, disincanto e un velo di cinismo, ma resta viva la speranza che la figlia possa sfuggire alla morsa delle false ragioni e restare aggrappata all’amore

di Pietro De Montis*

Cara figlia, quando leggerai – questa è ogni giorno la mia consolazione – potrai avere tutti gli strumenti che il buon Dio ha voluto offrire alle sue creature, per capire ciò che ora posso solo sussurrarti. Non a parole, ma con lo sguardo e le carezze. Con l’Amore vissuto.

Spesso mi chiedo a chi giovi tutto il male che ti abbiamo inflitto, o se esso abbia un senso. Non credo lo abbia e non penso nemmeno lo si possa trovare, anche sforzandosi di piegare fatti, parole e sentimenti – dovrai abituarti a questo, nel mondo nel quale crescerai – ad una Razionalità vuota e ormai incapace di alcun dialogo, con la parte più nobile di noi stessi: la Coscienza.

Devi sapere che perfino un Papa, tedesco e molto diverso dall’attuale, provò a mettere allo stesso tavolo questi due personaggi, Ragione e Fede, per ottenere da essi un dialogo, ma anche lui – come spesso accadeva
a me e a tua madre – ha dovuto arrendersi davanti al soccombere di Fede e Coscienza, che solitamente sussurrano al contrario della Ragione.

O meglio, la Ragione ha vinto senza neanche combattere poiché la Fede (e la Coscienza) di solito preferisce non seguirla sul campo di battaglia, ma fiduciosa e umile resta in attesa che il Tempo – altro Signore nella grande Storia della Vita – le restituisca Dignità e Libertà, due gemme preziose che ormai nessuno ricorda abbia posseduto.

In questo momento, mentre scrivo, osservo la pioggia scendere e ripenso alle lacrime che hai versato, al tuo disperato ricorrere all’affetto del Nonno Gianni per fuggire dal nostro egoismo – sordo e cieco – che
ha limitato il tuo diritto ad essere bambina, con tutto il tempo necessario al gioco ed ai capricci.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni