Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Bambina mia cara, perdonaci e cerca di essere migliore di noi

© Shutterstock
Condividi

La lettera di un padre separato alla figlia: amarezza, disincanto e un velo di cinismo, ma resta viva la speranza che la figlia possa sfuggire alla morsa delle false ragioni e restare aggrappata all’amore

di Pietro De Montis*

Cara figlia, quando leggerai – questa è ogni giorno la mia consolazione – potrai avere tutti gli strumenti che il buon Dio ha voluto offrire alle sue creature, per capire ciò che ora posso solo sussurrarti. Non a parole, ma con lo sguardo e le carezze. Con l’Amore vissuto.

Spesso mi chiedo a chi giovi tutto il male che ti abbiamo inflitto, o se esso abbia un senso. Non credo lo abbia e non penso nemmeno lo si possa trovare, anche sforzandosi di piegare fatti, parole e sentimenti – dovrai abituarti a questo, nel mondo nel quale crescerai – ad una Razionalità vuota e ormai incapace di alcun dialogo, con la parte più nobile di noi stessi: la Coscienza.

Devi sapere che perfino un Papa, tedesco e molto diverso dall’attuale, provò a mettere allo stesso tavolo questi due personaggi, Ragione e Fede, per ottenere da essi un dialogo, ma anche lui – come spesso accadeva
a me e a tua madre – ha dovuto arrendersi davanti al soccombere di Fede e Coscienza, che solitamente sussurrano al contrario della Ragione.

O meglio, la Ragione ha vinto senza neanche combattere poiché la Fede (e la Coscienza) di solito preferisce non seguirla sul campo di battaglia, ma fiduciosa e umile resta in attesa che il Tempo – altro Signore nella grande Storia della Vita – le restituisca Dignità e Libertà, due gemme preziose che ormai nessuno ricorda abbia posseduto.

In questo momento, mentre scrivo, osservo la pioggia scendere e ripenso alle lacrime che hai versato, al tuo disperato ricorrere all’affetto del Nonno Gianni per fuggire dal nostro egoismo – sordo e cieco – che
ha limitato il tuo diritto ad essere bambina, con tutto il tempo necessario al gioco ed ai capricci.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.