Aleteia
martedì 20 Ottobre |
San Paolo della Croce
Approfondimenti

Restare se stesse. Donne a tutto tondo...

Młoda pracująca kobieta w ciąży siedzi w swoim biurze

Jose Luis Pelaez Inc / Getty Images

Lucetta Scaraffia - L'Osservatore Romano - pubblicato il 06/01/18

Rinunciare alla maternità per il lavoro è un patto insopportabile che bisogna rompere per permettere alle donne di conciliare vita e carriera

Come ha detto il famoso storico inglese Eric Hobsbawm, l’unica rivoluzione vittoriosa del Novecento è quella delle donne. Si è realizzata a tal punto da creare un mondo rovesciato rispetto a quello di sessanta anni fa: oggi una giovane donna non si sogna neppure di imparare a fare i lavori domestici, né tanto meno pensa di dover obbedire al padre o al marito, ma si sente totalmente libera di realizzare se stessa in ogni campo, trova normale impegnarsi nella sfera pubblica e non pensa al matrimonio come a un destino inevitabile. La recente campagna contro la violenza sulle donne, e la denuncia in tutti i paesi occidentali delle molestie sessuali alle quali sono sottoposte tante donne, soprattutto negli ambienti di lavoro, hanno segnato un passo ulteriore di questo cammino verso la libertà e il riconoscimento del valore dell’autonomia femminile.




Leggi anche:
Le 3 menzogne del mondo post-femminista che distruggono la società

Si tratta di cambiamenti tangibili e misurabili: oggi le ragazze che studiano e si laureano sono più numerose dei ragazzi, il tasso di occupazione femminile è in aumento soprattutto nelle fasce professionali più alte, dove le donne stanno combattendo per non essere confinate in posizioni subalterne. Ma certo il cambiamento più forte, quello che può essere considerato determinante e che ha avuto inizio a partire dagli anni sessanta, è quello relativo al comportamento sessuale femminile e quindi alla maternità. A partire dal 1963 nei paesi industrializzati si è diffusa la pillola anticoncezionale, una novità sconvolgente: per la prima volta nella storia il controllo della fertilità era nelle mani delle donne, che potevano così essere sicure di evitare la gravidanza anche praticando rapporti sessuali. Questo voleva dire che le donne potevano anche dal punto di vista del comportamento sessuale comportarsi come gli uomini, e su questa possibilità si fondava l’utopia della rivoluzione sessuale, che prometteva felicità per tutti grazie alla caduta delle norme costrittive in tema di sessualità. A questo si aggiungeva la liberalizzazione dell’aborto, che poteva essere deciso solo dalla donna. La liberazione sessuale si fondava però — e si fonda tuttora — sull’accettazione delle donne a sottoporsi a bombardamenti ormonali per garantire l’assenza di conseguenze procreative, con disagi non piccoli per la loro salute. E per una difficoltà crescente a realizzare il desiderio di maternità.

La contraccezione serve infatti a bloccare la fertilità negli anni giovanili — quelli più adatti alla procreazione — per permettere alle donne di fare carriera e inserirsi bene nel mondo del lavoro, nel quale la maternità tende a essere penalizzata.




Leggi anche:
Il femminismo alla prova della maternità

Quindi, a guardar bene, tutto ciò che le donne hanno ottenuto sul piano della libertà e dell’inserimento sociale è stato pagato con la rinuncia o il rimando della maternità a una età in cui concepire un figlio è sempre più difficile. Non si è realizzato, quindi, il sogno delle prime femministe, quelle che volevano che le donne entrassero nel mondo maschile mantenendo la loro differenza, fondata sulla maternità. Rinunciando alla differenza le donne si sono adeguate, rinunciando al progetto di cambiare il mondo.

QUI L’ORIGINALE

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
femminismomaternità
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni