Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quanto è importante la tenerezza tra uomo e donna!

Pexels | CC0
Condividi

La mancanza di tenerezza è oggi il dramma di tante famiglie e l'origine di molte crisi matrimoniali

L’amore di Dio fa sì che l’amore tra gli sposi sia più profondo. Guardo Giuseppe e Maria. Guardo la loro complicità, la loro intimità sacra, i loro silenzi, le loro parole. Immagino i loro gesti e i loro sguardi.

Commenta Papa Francesco nella sua esortazione apostolica Amoris laetitia: “L’amore di amicizia unifica tutti gli aspetti della vita matrimoniale e aiuta i membri della famiglia ad andare avanti in tutte le sue fasi. Perciò i gesti che esprimono tale amore devono essere costantemente coltivati, senza avarizia, ricchi di parole generose”.

Gesti di amore che uniscono. Un cuore capace di perdonare e di riconciliarsi. Quanto è importante imparare a chiedere perdono e perdonare in famiglia! Quanto è necessario saper ringraziare sempre per tutto ciò che abbiamo e che riceviamo! Questi gesti concreti d’amore fanno parte della routine familiare.

A volte i cellulari, la televisione, le reti sociali spezzano la possibilità di coltivare un dialogo profondo e semplice. Diventano una barriera che impedisce l’incontro profondo tra gli sposi e con i figli. Bisogna mettere da parte tutto ciò che costituisce un ostacolo al dialogo.

Una persona, guardando un giorno il tipico presepe in cui Giuseppe e Maria appaiono separati con il Bambino in mezzo, ha scritto: “Perché nel presepe ci ritraggono lontani? Vieni, abbracciami, sei mio rifugio e mia dimora, Giuseppe. Vieni, avvicinati, prendi la mia mano che sostiene Dio. Vieni, prendi il bambino, lo riempiremo di tenerezza. Nel cammino ti sei preso cura di me, guardandomi incessantemente. Ogni notte mi addormentavo sotto il tuo sguardo di pace. La tua tenerezza mi ha sostenuta quando mi sentivo perduta. Voglio vivere sempre al tuo fianco nella mia vita”.

Pensavo all’amore tra Maria e Giuseppe. Pensavo anche alla loro vita coniugale. A volte i figli possono allontanare gli sposi. Scompare la tenerezza tra loro, ora riversata sui figli.

Il centro è il figlio, è vero. Ma se si trascura l’amore per il coniuge perdono tutti. Perdono i figli che non toccano l’amore tra i genitori. Perdono i genitori quando si separano dolcemente, senza tensioni, ma sono sempre più lontani nel loro cuore.

Quanto è necessario curare la tenerezza tra gli sposi! Se non dico mai “Ti voglio bene” nella vita familiare, se non lo esprimo con i gesti, se non dico mai “Ti voglio bene” ai miei genitori, ai figli… se non dico cosa provo… Col tempo, inesorabilmente, la distanza tra cuore e cuore aumenta. È il dramma odierno di tante famiglie. È l’origine di tante crisi matrimoniali.

Oggi ascolto: “Scelti da Dio, santi e amati, rivestitevi dunque di sentimenti di tenerezza, di bontà, di umiltà, di mansuetudine, di magnanimità, sopportandovi a vicenda e perdonandovi gli uni gli altri, se qualcuno avesse di che lamentarsi nei riguardi di un altro. Come il Signore vi ha perdonato, così fate anche voi. Ma sopra tutte queste cose rivestitevi della carità, che le unisce in modo perfetto”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni