Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconFor Her
line break icon

Vaccini: le risposte ai nostri dubbi

Shutterstock

BenEssere - pubblicato il 27/12/17

Intorno a questo tema circolano legittime preoccupazioni delle famiglie e non è sempre facile distinguere tra informazioni reali e false credenze. Cerchiamo di fare chiarezza in quindici domande

di Paola Rinaldi in collaborazione con il dottor Giovanni Rezza epidemiologo, dirigente di ricerca dell’Istituto superiore di sanità

E’ una vera e propria guerra di posizione quella sui vaccini, sia che si tratti di quelli antinfluenzali, sia che si intendano i dieci resi obbligatori dal Decreto Lorenzin per potersi iscrivere a scuola. Accanto ai favorevoli, sono sempre più numerosi e agguerriti gli oppositori, che considerano le vaccinazioni come bombe a orologeria, destinate nel tempo a indurre varie patologie.

Il dottor Giovanni Rezza, epidemiologo e dirigente di ricerca dell’Istituto superiore di sanità, risponde ai principali dubbi.

1- Non è inutile vaccinarsi contro malattie che ormai sono state debellate? 

«L’unica malattia attualmente debellata è il vaiolo, per il quale non è più necessario il vaccino, mentre le altre – comprese poliomielite e difterite – sono ancora circolanti in molti Paesi del mondo e gli agenti patogeni che le causano possono attraversare i confini geografici tramite i viaggiatori.

2- È vero che i vaccini possono avere effetti dannosi a lungo termine, alcuni dei quali ancora sconosciuti, e che talvolta sono addirittura fatali?

«Non esistono evidenze scienti€fiche che dimostrino l’esistenza di un nesso causa-effetto tra vaccini e allergie, malattie autoimmuni, sclerosi laterale amiotro€fica, epilessia, morte in culla, sindrome di Guillan-Barrè e altre patologie di cui la pro€filassi viene spesso accusata. Destinati a soggetti sani, vengono sottoposti a una lunga sperimentazione e a controlli ancora più stringenti rispetto ai normali farmaci; pertanto, sono sicuri».

3- Esiste o no una relazione con l’autismo?

«No. La fobia è iniziata nel 1998 a causa di uno studio pubblicato su un’importante rivista scienti€fica, The Lancet, dove l’allora medico Andrew J. Wake€field accusava il vaccino trivalente (morbillo-parotite-rosolia) di causare una grave in€fiammazione intestinale, collegata al rischio di sviluppare autismo. Alcuni anni dopo, gli altri autori della ricerca ne ritrattarono le conclusioni e fu dimostrato che Wake€field aveva costruito una vera e propria frode scientifica, tanto che venne radiato dall’albo dei medici e non poté più esercitare la professione in Gran Bretagna».




Leggi anche:
I vaccini causano autismo ed epilessia? No e vi spieghiamo perché

4- Dopo aver fatto un vaccino, si può essere contagiosi?

«Si parla spesso di questo rischio per i vaccini contro morbillo, parotite, rosolia e varicella, perché contengono virus vivi ma  comunque attenuati, cioè trattati in modo tale da non risultare infettivi. È piuttosto improbabile che questi microrganismi si riproducano al punto tale da diventare contagiosi, per cui l’eventualità che questo accada va considerata un fatto eccezionale».

5- C’è il rischio di contrarre l’influenza o altre malattie dai vaccini stessi?

«No. L’unica controindicazione riguarda i bambini immunodepressi, cui non devono essere somministrati per precauzione i vaccini con virus vivi e attenuati».

6- Mercurio, formaldeide, alluminio: all’interno ci sono additivi pericolosi?

«Oltre agli antigeni verso i quali si vuole indurre la risposta immunitaria, ovvero batteri e virus (attenuati, uccisi o loro componenti), i vaccini contengono in tracce altre sostanze, come antibiotici e antisettici, che servono per migliorare stabilità e conservazione, ma talvolta anche adiuvanti (idrossido di alluminio o fosfato di alluminio), aggiunti per rendere più valida la risposta degli anticorpi. Nessuno studio però ha mai associato questi eccipienti a un potenziale rischio per la salute. Il mercurio invece non viene utilizzato da oltre dieci anni, seppure le indagini retrospettive non abbiano portato alla luce alcun pericolo, e nei vaccini o erti alla prima infanzia non sono contenuti neppure formaldeide o fenossietanolo. Si tratta comunque di un falso allarme, perché tutte queste sostanze sono presenti ovunque, all’interno di cibo, acqua, aria e ambiente».

7- Un vaccino può essere inefficace?

«Sì, nessun vaccino funziona al 100 per cento: quelli più e caci (come l’antimorbillo) hanno una copertura pari al 90Ž95 per cento dei casi, perché alcuni soggetti non riescono a produrre sufficienti anticorpi contro speci­fiche patologie».




Leggi anche:
12 vaccinazioni obbligatorie sono una scelta giusta? Le ragioni del sì

8- Quanto dura la protezione di un vaccino?

«Dipende dalla memoria immunologica, ossia dalla capacità del sistema immunitario di riconoscere un agente biologico dopo un precedente incontro. Per alcuni vaccini (come difterite e tetano) sono necessari richiami periodici, per altri no. Ovviamente, l’immunità indotta è inferiore rispetto a quella acquisita con le malattie naturali, che ci espongono all’intero virus – o batterio – con tutti i suoi antigeni».

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
sistema sanitario nazionalevaccini
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni