Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 01 Marzo |
Beata Giovanna Maria Bonomo
home iconChiesa
line break icon

Iraq: Mar Behnam, un monastero condiviso

Monastery of the Martyrs Mar Behnam and Marth Sarah

© Fraternité en Irak

Monastero di Mar Behnam, particolare della facciata.

Maxime Dalle - pubblicato il 26/12/17

Da secoli, i monaci siro-cattolici sono i fedeli guardiani della tomba di Mar Behnam, tra Mosul ed Erbil. Si tratta di un luogo-simbolo: i cristiani vi si recano a pregare ma è pure meta di pellegrinaggio per i musulmani. Un reportage di Maxime Dalle dall’Iraq.

Da più di 1700 anni i cristiani sono figli irriducibili dell’Iraq. Contrariamente alle elucubrazioni dell’Isis, la loro presenza precede di gran lunga l’invasione islamica. I cristiani sono stati evangelizzati prestissimo da san Tommaso e fin da subito hanno saputo costituirsi come Chiesa. C’è poi questo mitico santo, Mar Behnam, uno dei primi principi assiri convertiti a Cristo. Egli iniziò il proprio popolo agli insegnamenti di Gesù prima di essere martirizzato dal padre. Da secoli, i monaci siro-cattolici sono i fedeli guardiani della tomba di Mar Behnam, e questo fino all’invasione dello Stato islamico nel 2014. I jihadisti hanno stabilito per più di due anni il loro quartier generale nel monastero, cosa che ha garantito – o felix culpa! – la relativa conservazione del luogo.

D’altro canto, tutti i simboli cristiani sono stati martellati, distrutti, sbeccati. Tutte le iscrizioni in siriaco o in aramaico sono state deliberatamente scalpellate via. «L’Isis ha distrutto tutto quello che poteva assomigliare a una croce», conferma Faraj-Benoît Camurrat, presidente di Fraternité en Irak. Anche le figure dei monaci, di antichissimi santi e di poveri animali sono state disintegrate. Nella sua follia iconoclasta, l’Isis ha voluto sradicare i simboli della presenza cristiana in Iraq. «Del passato, facciamo tabula rasa». Una ben nota antifona totalitaria.




Leggi anche:
Iraq: la rinascita della vita parrocchiale

Mentre sbaraccavano, i gli islamisti hanno tentato di far saltare in aria il monastero… ma invano. I diciannove ordigni a orologeria non hanno brillato – miracolosamente. Ciononostante, la tomba di Mar Behnam è stata gravemente danneggiata. Rappresentava tutto quello che lo Stato islamico aborrisce: la venerazione dei santi da una parte, ma anche il fatto di essere un luogo di pellegrinaggio interreligioso. Mar Behnam, un santo iracheno che da secoli ha saputo raccogliere attorno a sé i cristiani, naturalmente, ma anche degli yazidi e dei sunniti che continuano a rendergli omaggio. Per l’Isis si trattava di un crocevia spirituale scandaloso, che perverte la pietà musulmana.

Ad oggi la chiesa del monastero è rimasta in piedi. Il magnifico edificio del XII secolo custodisce una cupola dedicata alla Vergine Maria, unica in tutto il Medio Oriente: in essa figurano frammenti di ceramiche riportanti delle preghiere scritte in aramaico frammiste a ipnotici raggi di sole… il tutto eleva inesorabilmente a Dio. «Uno splendore…», conclude silenziosamente mons. Petros Mouché, l’arcivescovo di Mosul.

Cinquanta metri più in là, la celebre tomba di Mar Behnam. Una struttura ottagonale a cielo aperto. La cupola è stata ridotta in mille pezzi. Due tunnel, ancora molto fragili, conducono alla tomba. Per penetrarvi, bisogna inchinarsi umilmente.

  • 1
  • 2
Tags:
cristiani perseguitati in iraqiraqisis
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
6
Gelsomino Del Guercio
Natuzza Evolo e gli angeli: “Li vedo come bambini pieni di luce e...
7
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni