Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

10 idee per una vita spirituale migliore nel 2018

Condividi

3. Leggere

Se siete topi di biblioteca come me, questo suggerimento è quello che fa per voi. Se non leggete molto potrebbe essere una nuova sfida per il 2018. Potete prendere due piccioni con una fava: leggere e migliorare il vostro rapporto con Gesù. Ci sono molti argomenti: santi, teologia… Cercate su Google “libri cattolici” e sono sicura che troverete qualcosa che vi interesserà.

4. La sfida del Rosario

Maggio è il mese del Santo Rosario, ma non dovete aspettare fino a maggio per affrontare la sfida del Rosario. Recitatelo ogni giorno per un mese. Potete anche decidere di continuare a pregarlo ogni giorno dopo la fine della sfida. Sapevate che potete ottenere un’indulgenza plenaria recitando il Rosario in chiesa o pubblicamente in un gruppo? A volte vedo delle persone che lo recitano durante la Messa. L’ho fatto anch’io e il cuore si sente ancora più aperto quando sto per ricevere Cristo nell’Eucaristia. È un ottimo modo per compiere un viaggio attraverso la nascita, il ministero, la morte e la resurrezione di Gesù. Se lo recitate durante la Messa, assicuratevi soltanto di non distrarvi dalla Messa stessa. Se il multitasking non è il vostro forte potrebbe non essere l’opzione giusta per voi. È importante rispettare la sacralità della Messa e donarle davvero la nostra piena attenzione. Un’altra alternativa è arrivare in chiesa presto e recitarlo prima che inizi la Messa. Alcuni Papi hanno incoraggiato a recitarlo, altri non troppo. La decisione spetta a voi.

5. Andare a confessarsi

Se andate spesso a confessarvi continuate a farlo! Se non lo fate, ricordate che Gesù vi sta aspettando. La confessione può spaventare, soprattutto se non vi ci accostate da molti anni, ma onestamente la grazia che ricevete, per non parlare del fatto di scaricarvi di vari pesi, vi fa sentire nuovi e guarisce davvero un rapporto “macchiato” con Dio. Non c’è quantità di peccati che possa far sì che Dio vi ami di meno, ma scuote la nostra relazione con Lui. La confessione non è solo la vostra occasione per scusarvi e fare ammenda. Dio vuole che torniamo a Lui, come il figliol prodigo. La misericordia di Dio è infinita, e se questo non ci offre ovviamente una scusa per peccare, Egli aspetta sempre che torniamo a Lui.

Pagine: 1 2 3 4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni