Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Michelle Hunziker è stata salvata da Padre Gabriele Amorth?

AMORTH HUNZIKER
AFP / Shutterstock
Condividi

La showgirl sta raccontando in tv il suo dramma dopo l'adesione alla setta "I Guerrieri della Luce". E l'esorcista avrebbe avuto un ruolo fondamentale per allontanarla

«Sono stata agganciata dalla setta all’età di 22 anni. Avevo una bambina di pochi mesi e un bellissimo matrimonio: era una favola, ma nel mio passato c’erano delle vulnerabilità e invece di rivolgermi a uno psicologo è arrivata questa pranoterapia, per la quale è stato molto facile reclutarmi»

Durante l’ultima puntata del 2017 di “Quarto Grado” (16 dicembre) in onda su Rete 4, la showgirl Michelle Hunziker ha raccontato l’incubo della setta di cui è stata prigioniera, i “Guerrieri della Luce“, per quasi sei lunghissimi anni, fino a maggio 2006.

“Ero in totale solitudine”

Hunziker ha ricordato il periodo di sofferenza durante il quale ha inizialmente avuto enormi dimostrazioni d’affetto, poi è stata allontanata dagli amori più grandi, il marito Eros Ramazzotti e la madre. «In questa solitudine la setta era l’unica cosa che avevo, ma anche loro esercitano un totale isolamento, perciò tu sei completamente solo».

“Clelia era una donna pulita…”

Tutto iniziò nella primavera del 2000: era comparsa a casa sua e di Eros una donna che l’aveva vista fumare. La donna aveva preso la sigaretta e ci aveva soffiato dentro e le aveva poi detto che d’ora in poi avrebbe provato fastidio a fumare.

Michelle si era donata al 100% a questa donna, Giulia Berghella, alias “Clelia”, la quale, come sottolineato dalla bionda conduttrice tv, era molto lontana rispetto ai maghi che anche ora mostrano in trasmissioni come Striscia la Notizia: era una donna pulita, profumata, indiscreta, l’unica amica che aveva in quegli anni (Domenica In, Rai 1, 18 dicembre).

«La percepivo come la mia salvatrice», afferma Hunziker.

Una preda debole

La verosimiglianza, soprattutto iniziale, del rapporto con la guru con un vero cammino di crescita e di guarigione la trasformò in una preda docile. Da dentro la forza della setta sembrava invincibile. E intanto la sua vita matrimoniale andava a rotoli con la rottura tra lei ed Eros.

Inquietanti tratti di neo catarismo, nella setta, secondo quanto riferisce la showgirl: la ricerca spasmodica della purezza, il rifiuto di certi cibi e l’astinenza sessuale durata diversi anni.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.