Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

La grande lezione di Papa Francesco sulla natura della Curia e sulla sua riforma

Pope Francis - Christmas greetings to the Roman Curia
CLAUDIO PERI / AFP
Condividi

Stamattina il Santo Padre ha incontrato i curiali che assistono da vicino il ministero petrino di presidenza universale tra le Chiese per i tradizionali auguri di Natale: ripercorrendo i testi degli anni scorsi, Francesco si è idealmente riallacciato all’impostazione dello storico discorso di Benedetto XVI del 2005: ne emerge uno scorcio sull’intimità della Chiesa che merita di essere letto e compreso da ogni fedele.

Il Papa non ha poi mancato di ricordare che le entità primaziali, ultimamente culminanti nella cattedra romana e petrina, partecipano in differenti modi e gradi di quel principio d’unità «voluto dallo stesso Cristo Signore per il bene dell’intero corpo della Chiesa».

Proprio pensando a questa finalità ministeriale, petrina e curiale, ossia di servizio, salutando di recente i Padri e Capi delle Chiese Orientali Cattoliche[3], ho fatto ricorso all’espressione di un “primato diaconale”, rimandando subito all’immagine diletta di San Gregorio Magno del Servus servorum Dei. Questa definizione, nella sua dimensione cristologica, è anzitutto espressione della ferma volontà di imitare Cristo, il quale assunse la forma di servo (cfr Fil 2,7). Benedetto XVI, quando ne parlò, disse che sulle labbra di Gregorio questa frase non era «una pia formula, ma la vera manifestazione del suo modo di vivere e di agire. Egli era intimamente colpito dall’umiltà di Dio, che in Cristo si è fatto nostro servo, ci ha lavato e ci lava i piedi sporchi»[4].

La bella espressione di “primato diaconale”, con cui Papa Francesco ha formalizzato l’espressione di Gregorio Magno – forse il Papa del primo millennio che più ha dovuto e meglio ha saputo conciliare primato e sinodalità nella Chiesa –, ricorda che nella Chiesa tutti devono servire, se vogliono servire, perché Cristo servì – e Cristo usò l’immagine del “servo inutile” in una sua parabola escatologica per stigmatizzare la sterilità di quanti si servono della Chiesa invece di servirla.

Dopo aver così fermamente ribadito il primato petrino, Francesco ha definito “analogo” l’atteggiamento con cui tutti «quanti, a vario titolo, operano nell’ambito della Curia romana»: “analogo” non è una parola qualunque, in teologia, ma significa proprio ciò che dice il diritto canonico quando ricorda che la Curia agisce «nel nome e con l’autorità del Sommo Pontefice».

Da buon figlio di sant’Ignazio, poi, Papa Francesco ha riletto alcuni bei testi antichi sul ministero diaconale, che sceglievano plastiche immagini sensoriali per dire l’unità d’intenti e d’azione tra il vescovo monarchico (come ad esempio il Papa stesso) e l’ente diaconale che della sua autorità partecipa (nella fattispecie, la Curia): i testi patristici sono quindi stati contaminati con l’istruzione ignaziana del n. 121 degli Esercizi spirituali (richiamato alla nota 9) – «La quinta contemplazione sarà applicare i cinque sensi sulla prima e sulla seconda contemplazione».

Un testo culturalmente impegnato e teologicamente raffinato, come si vede. E puntualmente, in chiusura, Francesco ha precisato:

In realtà, una fede soltanto intellettuale o tiepida è solo una proposta di fede, che potrebbe realizzarsi quando arriverà a coinvolgere il cuore, l’anima, lo spirito e tutto il nostro essere, quando si permette a Dio di nascere e rinascere nella mangiatoia del cuore, quando permettiamo alla stella di Betlemme di guidarci verso il luogo dove giace il Figlio di Dio, non tra i re e il lusso, ma tra i poveri e gli umili.

Sì, perché – come aveva detto subito prima –:

[…] una fede che non ci mette in crisi è una fede in crisi; una fede che non ci fa crescere è una fede che deve crescere; una fede che non ci interroga è una fede sulla quale dobbiamo interrogarci; una fede che non ci anima è una fede che deve essere animata; una fede che non ci sconvolge è una fede che deve essere sconvolta.

La docilità nel lasciarsi guidare dai superiori è segno esistenziale e mistico di vera povertà in spirito, è marchio di genuina disposizione ad accogliere il Signore che viene. E a quel punto trovano forza e significato le immagini delle “fedeli antenne emittenti e riceventi” che avviano ad alcune note di dettaglio. Ne sottolineo una per tutte, quella sul cammino ecumenico, che nel suo richiamo ai “tempi che non conosciamo” (peraltro una citazione di concetti già espressi da Papa Bergoglio) appare un forte freno a quanti vagheggiano di forzare le marce della riunificazione visibile dei cristiani:

L’unità si fa camminando, per ricordare che quando camminiamo insieme, cioè ci incontriamo come fratelli, preghiamo insieme, collaboriamo insieme nell’annuncio del Vangelo e nel servizio agli ultimi siamo già uniti. Tutte le divergenze teologiche ed ecclesiologiche che ancora dividono i cristiani saranno superate soltanto lungo questa via, senza che noi oggi sappiamo come e quando, ma ciò avverrà secondo quello che lo Spirito Santo vorrà suggerire per il bene della Chiesa.

Come si vede, dunque, il Papa non è andato in sala Clementina a sbraitare a casaccio, come un padrone iracondo che aspetta gli ospiti per rimproverare quelli di casa. Leggendo con calma il suo discorso di capisce chiaramente a chi si riferisca quando allude a

quella squilibrata e degenere logica dei complotti o delle piccole cerchie che in realtà rappresentano – nonostante tutte le loro giustificazioni e buone intenzioni – un cancro che porta all’autoreferenzialità, che si infiltra anche negli organismi ecclesiastici in quanto tali, e in particolare nelle persone che vi operano.

Il dialogo si deve praticare per davvero, per vivere nella comunione ecclesiale: tutti e sul serio. E la marca del vero dialogo ecclesiale, conforme all’obbedienza e alla povertà di Cristo, è la docilità. Ecco cosa voleva dire la colta citazione del Pellegrino cherubico del Silesio:

Dipende solo da te: Ah, potesse il tuo cuore diventare una mangiatoia! Dio nascerebbe bambino di nuovo sulla terra.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni