Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché mi consacrerò a Maria ogni Natale

Condividi

Se vogliamo identificarci con Cristo in tutto, dobbiamo accettare non solo le sue parole e i suoi sacramenti, ma anche la madre che ci ha donato

Qualche anno fa mi sono consacrato a Maria seguendo il libro di padre Michael Gaitley 33 Days to Morning Glory. Quest’anno ho rinnovato la consacrazione nella festa dell’Immacolata Concezione. Vorrei non averlo fatto. Vorrei aver aspettato Natale.

La consacrazione a Maria non mi viene naturale.

La prima volta che ho letto il libro ho esitato. L’ho finito ma ho rifiutato di consacrarmi. Alla seconda lettura ho lottato, chiedendo in ginocchio in cappella che Dio mi spiegasse perché va bene parlare di qualcuno che è “schiavo” o “proprietà” di un’altra persona. Poi, come una risposta alla mia preghiera, qualcuno ha aperto il tabernacolo e vi ha messo dentro delle ostie consacrate.

Quest’anno la vecchia lotta si è riproposta. Mentre mi preparavo a rinnovare la mia consacrazione, all’improvviso era come se non avesse senso per me. Se il Battesimo ci dà la vita di Cristo, l’Eucaristia ci inserisce nel suo corpo e la Scrittura ci dona la sua parola, perché Maria dovrebbe volere che certi seguaci di Gesù aggiungano un “rapporto speciale con Maria” al di sopra di tutto questo?

Capivo la preghiera di intercessione, ma l’“affidamento” a Maria no. Poi, ancora una volta come una sorta di risposta alle mie preghiere, sono andato in una fattoria con un sacerdote e una suora per aiutare a filmare un presepio vivente.

Quell’esperienza mi ha ricordato che Dio è stato il primo ad affidarsi a Maria.

Nel video dovevamo separare gli animali dalla mangiatoia, altrimenti sarebbero finiti sul Bambino Gesù. Sistemare un bambino in una mangiatoia è stato molto difficile. Mi ha ricordato quanto sia stata rischiosa l’incarnazione. Dio non aveva solo bisogno che Maria e Giuseppe dicessero “Sì” una volta – aveva bisogno che proteggessero il fragile corpo che aveva scelto minuto per minuto, giorno per giorno.

Poi, quando i nostri pastori si sono riuniti intorno alla mangiatoia, giravano lo sguardo dal volto di Gesù a quello di Maria e viceversa. Gli angeli hanno inviato i pastori a trovare il bambino, ma hanno trovato il bambino e Maria. Non si possono separare. Dio voleva così.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.