Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

W la pappa! Lo svezzamento continua

Condividi

Gli ingredienti, la preparazione, l'accompagnamento nella scoperta di nuovi sapori. Focus allergie e rischi dieta vegetariana e vegana

Tra gli ingredienti più importanti, comunicazione, pazienza e voglia di giocare

Anche per il lattante – né più né meno che per noi adulti – la tavola è un’ottima occasione per far conversazione e tessere rapporti. Sedetevi e tenete in braccio il bimbo quando mangia: il pasto è anche una scuola di comunicazione. Se il piccolo vuole un cucchiaio in mano, lasciatelo fare: con un altro cucchiaio gli darete da mangiare. È probabile che ripeta più volte lo stesso gioco: lascerà cadere il cucchiaio, abbasserà la testa per guardarlo e poi vi guarderà per farselo raccogliere. Ma attraverso questo meccanismo di gioco sta imparando la “permanenza degli oggetti” (“l’oggetto è ancora al suo posto anche se non lo vedo”) che diventerà più tardi la “permanenza delle persone” (“mamma e papà esistono ancora anche se vanno in un’altra stanza”).

Fatelo partecipare attivamente al gioco della pappa

Incoraggiate la sperimentazione. Ha appena imparato a prendere le cose e desidera toccare il cibo. Fornitegli 2 o 3 pezzetti morbidi di cibo da prendere, spappolare e portare alla bocca. Sarà affascinato e soddisfatto per essere riuscito a mangiare
da solo. Non intromettetevi nel suo gioco per non innescare pericolosi rifiuti che potranno creare in futuro un approccio negativo verso il cibo.

Dategli tempo!

Un po’ di astuzia: non interpretate il suo modo di giocare come un rifiuto verso il cibo. Non sempre i bambini rifiutano il cibo solido ma semplicemente devono imparare a mangiarlo.

Il passaggio dalla suzione alla deglutizione non è scontato: con il biberon il flusso del cibo è continuo e regolare e gli intervalli sono gestiti dal bambino e non da chi propone il pasto. Aiutatelo usando un cucchiaio da minestra al posto del cucchiaino; avvicinandolo alle sue labbra gradualmente riconoscerà il passaggio dalla suzione alla deglutizione. E non vi arrabbiate se il piccolo si mette le dita in bocca: serve ad attivare la suzione che lo aiuta a deglutire i solidi. I bambini non vogliono provocarvi quando sputano il cibo; pertanto una reazione violenta è inadeguata e controproducente, perché rafforza questo comportamento.

Sperimentate e variate la sua dieta

Se la difficoltà di assunzione sembra dettata dal fatto che un determinato sapore non gli piace, provate a ridurre o evitare di aggiungere l’alimento nuovo (per esempio il liofilizzato di carne) per qualche giorno, per poi reintrodurlo gradualmente fino ad arrivare alla quantità voluta. Non aggiungete zucchero o frutta nel tentativo di rendere più gradevole il pasto.

© Bambin Gesù
© Bambin Gesù

E dopo la prima pappa che succede?

I cambiamenti principali dal punto di vista qualitativo sono rappresentati dall’utilizzo di semolino di grano e di farine contenenti glutine e dalla sostituzione del latte formulato di partenza con il latte di proseguimento.

Naturalmente, i bimbi che sono allattati al seno proseguiranno con il latte materno anche durante il divezzamento. L’altro elemento di novità è rappresentato dalla diversificazione della dieta e quindi dalla progressiva introduzione di nuovi alimenti.

In particolare si inseriranno gradualmente i legumi (7° mese), il pesce e l’uovo entro il 9° mese. Dal punto di vista quantitativo, invece, si riduce progressivamente la quota di latte assunto a favore delle pappe. Anche il contenuto di carboidrati, di proteine e di lipidi (i cosiddetti macronutrienti) si modifica progressivamente in relazione all’aumentare del peso del piccolo, pur mantenendo di fatto un rapporto fra di loro invariato.

Pagine: 1 2 3 4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.