Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ecco i particolari dei primi tre anni di apparizioni della Madonna a Medjugorje

Condividi

Dalla prima apparizione al bavaglio della polizia. La veggente Vicka racconta dettagliatamente quello che accadde dal 1981 al 1983

La fuga di Ivan

A quel punto incontrò per strada Ivan di Stanko e Ivan del defunto Jozo, che portavano un po’ di mele in un sacchetto di plastica. Vicka disse loro che le tre amiche erano più avanti, dicendo di vedere la Madonna. Allora Vicka e i due Ivan si incamminarono verso il luogo dell’apparizione. Giunti sul posto, «quelle tre ci hanno indicato dove stava la Madonna. E allora l’abbiamo vista anche noi. Ivan è scappato subito, scavalcando il recinto; ha buttato via anche le mele e quello che aveva in mano. Io sono rimasta a guardare».

“Una giovane meravigliosa”

Vicka vide «la figura di una giovane meravigliosa. Con il bambino in braccio, che continuamente copriva e scopriva. Ci faceva segno con le mani di avvicinarci a lei». Ma nessuno si avvicinava. Erano tutti impauriti. «Poi io sono scappata, ero felice ma avevo paura. Sono tornata a casa. Mi sono buttata sul divano e continuavo a piangere».

Il secondo giorno

Il giorno dopo Ivanka, Mirjana e Vicka tornarono alla stessa ora sul luogo dell’apparizione. La Madonna apparve nuovamente per prima ad Ivanka e poi alle altre due giovani veggenti. Ma questa volta non aveva il bambino in braccio.

L’aspetto più incredibile dell’apparizione riguarda come il gruppo raggiunse il luogo. «Corremmo come se qualcosa ci portasse. Non c’erano per noi né sassi né cespugli; niente. Come se tutto fosse stato di gomma, di spugna, di qualcosa che non si può descrivere. Nessuno avrebbe potuto seguirci».

“Addio angeli miei”

Con loro c’erano anche i piccoli Marija e Jakov. Questa volta non scapparono ma si inginocchiarono e pregarono accanto alla Madonna. Ivanka le chiese della madre, da poco morta, e la Madonna le disse che era con lei. Poi li salutò dicendo “addio angeli miei”.

Non erano soli quel giorno. Una quindicina di persone accorse verso la collina quando videro il bagliore che lasciava la Madonna.

L’aspersione

Il terzo giorno delle apparizioni, venerdì 26 giugno, la folla che salì sul Podbrdo era più numerosa. I veggenti erano sei. L’apparizione fu preceduta da un bagliore nel cielo. La Madonna apparve e poi scomparve. Subito dopo la folla iniziò a pregare e all’improvviso la Madonna riapparve più in alto rispetto agli altri giorni.

Quel giorno i veggenti vollero cospargere la Madonna con l’acqua santa, preparata dalla mamma di Vicka. E fu la stessa Vicka che fece l’aspersione. «L’aspergevo e dicevo ad alta voce: “Se sei la Madonna, rimani; se non lo sei, vattene via da noi”. E lei ha sorriso. Mi è sembrato che le fosse piaciuto».

Pagine: 1 2 3 4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.