Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 21 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconSpiritualità
line break icon

Cosa fai per cambiare l’ambiente che ti circonda?

Arran Moffat | CC BY 2.0

padre Carlos Padilla - pubblicato il 19/12/17

È Natale. Sono Natale. Posso avvicinare il cielo alla terra. O rendere l’inferno più presente.

Quando padre Kentenich è arrivato al campo di concentramento di Dachau, una guardia gli ha detto che non aveva visto Dio lì. Lui ha risposto: “Sicuramente hai visto il demonio”.

Posso rendere visibile Dio o il demonio. Per questo decido di guardare Maria in Avvento. Le chiedo di riempirmi di pace, per poter dare pace.

Mi sorprende che una grotta per animali possa diventare un palazzo alla presenza di Maria, di Giuseppe, di Gesù. Una mangiatoia sporca, l’ultimo luogo in cui sarebbe bene deporre un bambino, l’unico alloggio libero, avvicina il cielo agli uomini.

Commenta Papa Francesco nella Evangelii Gaudium: “Maria è colei che sa trasformare una grotta. per animali nella casa di Gesù, con alcune povere fasce e una montagna di tenerezza”.

Voorrei avere una bacchetta magica tra le mani per cambiare gli ambienti. Vorrei essere capace di trasformare i luoghi che calpesto, in cui abito. Trasformare una grotta in un luogo santo. Fare di un luogo pieno di tenebre un luogo pieno di luce.

Diceva padre Kentenich che bisogna porre fine al pessimismo, all’idea che non si possa costruire una società umana pienamente redenta. Dobbiamo generare un’oasi, e possiamo farlo tutti. Oasi, piccole isole, cellule vive a mo’ di anticipazione del mondo nuovo.

Posso generare oasi. Isole in cui Gesù nasca e porti una luce di speranza. Posso farlo lì dove sono. Posso cambiare le conversazioni. Far sì che siano più profonde, più elevate. Voglio credere che sia possibile.

Posso cambiare l’atmosfera della mia famiglia, del mio lavoro, dei miei amici. Con gesti d’amore generosi. Dando senza aspettarmi di ricevere nulla in cambio. Servendo, anche se non me lo chiedono né mi spetta.

Posso fare tutto con le mie parole e il mio modo di agire.

Ciò che resta alla fine del cammino sono solo le azioni d’amore. Ciò che resta è la mia dedizione generosa e piena di silenzi. Si sotterra il seme perché muoia e porti frutto. Quando muoio al mio orgoglio sboccia intorno a me una nuova pianta piena di vita.

A volte arrivo in luoghi che non hanno pace. Arrivo con il cuore ferito. Pieno di rancori e di rabbia. Esco più ferito, più triste. Arrivo inquieto e senza luce. Me ne vado pieno di nostalgia. Non ho allegria.

Cerco di cambiare tutto, ma non posso cambiare l’atmosfera intorno a me. I miei commenti non aiutano. Giudico quello che dicono gli altri. Mi lascio toccare dallo scoraggiamento. Mi contagio con i giudizi. Non apporto né la mia tenerezza, né la mia allegria, né la mia speranza.

Taccio, e il mio silenzio non aiuta. Non contribuisco a migliorare quello che regna intorno a me, e mi giustifico dicendo che è impossibile cambiarlo. La grotta continua ad essere una grotta di animali. E l’atmosfera è più di pantano che di cielo.

E non sono io ad apportare un po’ di luce o di speranza. E non è la mia mano quella che regala misericordia, né le mie parole portano pace. Mi fa male non essere causa di allegria.

Voglio cambiare. Credo di avere una vocazione di fuoco, di luce. Ho tra le mani una chiamata a fare cose grandi, a seminare pace. E so che Dio nasce nella mia anima per rendersi presente tra gli uomini. È facile. Glielo chiedo.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
cambiamentoottimismosperanza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
7
DON DAVIDE BAZZATO
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: ho desiderato un figlio, ma ho scelto la cast...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni