Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Pene d’amore: come elaborare il lutto di una relazione e andare avanti

© Shutterstock
Condividi

Talvolta i dolori di una delusione amorosa travolgono tutto, al loro passaggio. Che si venga mollati alla fine dell’estate a quindici anni o dopo anni di vita condivisa, può provocarsi uno tsunami emozionale passibile di diventare una vera e propria malattia. Quando le emozioni non si esprimono, è il corpo a parlare. Riprendersi da un “mal d’amore” significa decidere di prendersi cura di sé, cessare di sperare in un ritorno, vivere le tappe di un lutto e osare di chiedere aiuto.

5. La scoperta del senso della perdita

Dare un senso alle tragedie delle nostre vite permette di ritrovare il gusto di vivere, ciò che non è possibile se non in fondo al cammino del lutto, e con un aiuto adeguato. Bando alle frasi maldestre: di fronte al dolore altrui, s’impone l’umiltà. È l’intuito che ci aiuterà a realizzare come le pene d’amore possano aiutarci a conoscerci meglio, a dare alle nostre vite un nuovo orientamento ed essere fonte di crescita spirituale.

6. Lo scambio del perdono

Una pena d’amore implica dei sensi di colpa: «Ho fatto tutto perché l’altro mi amasse?» «Non avrei dovuto dargli fiducia, è colpa mia se se n’è andato». Naturalmente c’è anche della collera nei confronti della parte che abbandona: perdonarsi permetterà una pacificazione interiore che potrà condurre alla grazia di perdonare l’altro.

7. L’eredità

Per Jean Monbourquette, il lutto prosegue recuperando le qualità della persona che fu amata: così Florence ha fatto propria l’energia che adorava in Raja, e Téo si è appropriato delle birichinate di Tina.

8. La celebrazione della fine del lutto e la vita nuova

Celebrate la ritrovata gioia di vivere con un rituale che sarà tutto vostro: una festa coi vostri migliori amici, un viaggio, una risistemazione dell’appartamento, la celebrazione simbolica del vostro ritorno, arricchito dalle prove, nella vita.

I segni della guarigione dal mal d’amore

Per Denis Sonet,

la guarigione è ottenuta quando l’abbandonato arriva a pensare: questa persona non mi ama più, peggio per lei, non sa cosa si perde.

Avverrà nel sorprendersi a canticchiare, a concedersi un piccolo piacere oppure nel mettersi in ascolto del proprio terapeuta, se c’è stato modo di consultarne uno. Il pensiero dell’essere amato non scatenerà più onde d’emozione, ma della nostalgia, oppure della determinazione: sapete di nuovo chi siete, avete ripreso il gusto della vita. Sì, si può guarire dal mal d’amore!

Il ruolo degli amici di fronte alle pene d’amore

Come aiutare un amico che sta male? Con l’empatia, il più bel gesto d’amicizia: non potete mettervi al suo posto, ma potete avvicinarvi il più possibile per essere con lui senza giudizi o parole inutili, solo riformulando i sentimenti che vorrà affidarvi, come un dono.

Potete ritenere nel cuore queste parole di Jean Monbourquette:

Voglio accompagnarti nella tua solitudine, nella tua tristezza, che talvolta sfiora la depressione interiore. […] Come l’organismo ferito mobilita tutte le sue forze per guarire, così avviene sul piano psichico tramortito da un lutto. Possiede in sé tutto per guarirti e farti crescere. Lascia lavorare in te il tuo guaritore interiore, che tutto metterà in opera per venirti in soccorso. Affidati alla sua sapienza: il dolore se ne andrà, la vita ti apparirà ancora più preziosa. Un benessere profondo e insospettato scaccerà la tristezza. Diventerai più te stesso e più umano verso gli altri. Per la tua guarigione, ti invito a non negare il tuo male, ma a riconoscerlo senza inutili vergogne. Così faciliterai la tua guarigione. Con questa scoprirai in te una nuova maturità e una più grande possibilità di amare.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni