Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Donne, siate fiere della vostra femminilità!

Condividi

La bella recensione di Emiliano Fumaneri al nuovo libro della nostra Paola Belletti: "Un manifesto per donne orgogliose della propria femminilità, le uniche vere femministe"

di Emiliano Fumaneri

Dopo il successo di “Osservazioni di una mamma qualunque”, ritorna in libreria un’autrice che non ha bisogno di presentazioni per i lettori della Croce: la regina Paola Belletti con “Siamo donne. Oltre la differenziata c’è di più” (ancora nella collana “UOMOVIVO – umorismo, vita di coppia, Dio” di Berica Editrice). Anche questo secondo libro, arricchito dalla brillante prefazione di Annalisa Sereni, non è tanto un saggio quanto un insieme di prose filosofiche, poetiche, narrative, giornalistiche attraverso cui Paola, col suo inconfondibile stile, propone una lettura in chiave femminile di quella ecologia integrale a cui papa Francesco ha consacrato una intera enciclica.

Ha preso così forma un manifesto (articolato in quattro sezioni: ecologia femminile, ecologia famigliare, ecologia pro-life, ecologia spirituale) per donne orgogliose della propria femminilità, le uniche vere femministe.

Non c’è femminismo, sostiene la Belletti, senza una ecologia del “cuore” umano. Da qui discende tutto il resto: ecologia ambientale, economica, sociale, culturale, etc. Per l’ecologia integrale “tutto è connesso” (“Laudato si’”, 117). L’unico nemico, in una tale prospettiva, è quella metafisica della separazione che costituisce il nucleo stesso del peccato.

E così Paola ci ha regalato un altro scritto profondo nato da un’esperienza di vita, coi suoi chiaroscuri. Nulla viene risparmiato: le luci come le ombre, le gioie come i dolori. È un libro dove il sapiente uso dell’ironia non alimenta alcuna fuga dalla realtà. Proprio per questa ragione appare così autentico, così poco “convenzionale” per i canoni di certa letteratura devozionistica. Il dolore non viene negato o, peggio ancora, banalizzato: le tragedie sono vere tragedie, le sofferenze sono vere sofferenze, le perdite sono vere perdite. Ma questo libro bellissimo testimonia come pochi altri che la speranza cristiana è una disperazione patita e superata. Non con le nostre povere forze umane, quanto con l’aiuto misterioso e immeritato della grazia. Spira forte, tra le righe, il respiro della gratitudine. Paola Belletti sa, sente con gli occhi del cuore ancor prima che con i lumi della ragione, che tutto è dono di un Creatore benevolente.

Una testa pensante, dunque, ma soprattutto un cuore orante, grande e profondo come un lago, capace di schiudere i propri tesori incastonandoli in autentici esercizi di stile. Al fortunato lettore sfileranno così sotto gli occhi veri e propri gioielli. È il caso di “Siamo donne”, il primo capitolo di questa storia di un’anima dove sapienza e bellezza letteraria si uniscono in un prodigioso equilibrio.

Ma Paola non ha solo cuore. Mostra di saper onorare anche il logos. Come quando individua, con notevole acume, le contraddizioni del tardocapitalismo: un capitalismo della seduzione che se da un lato eccita senza posa il lato selvatico del consumatore – per spingerlo all’acquisto delle merci – dall’altro lo esorta a un maniacale disciplinamento quando si tratta di gestire gli scarti del consumo di quelle stesse merci. Con una mano si violenta la natura, con l’altra la si sacralizza. Si è imposta così una sorta di «mistica del cassonetto» con la raccolta differenziata elevata a nuova religione secolare coi suoi dogmi intoccabili e i suoi infiniti precetti.

Siamo indotti a pensare che sia l’amore per l’ambiente a dettare l’imperativo della raccolta differenziata. Ma qualcosa non torna. Viene il sospetto che alla base di tutto vi sia una ideologia ambientalista che come tutte le ideologie serve a mascherare la vera natura dei rapporti economici. Più di un indizio concorre infatti ad indicare che quanto deve essere celato allo sguardo sia il cosiddetto “lavoro ombra”, costituito da tutte le attività che svolgiamo a titolo gratuito senza rendercene conto. Come fare benzina al self-service, utilizzare le casse automatiche al supermercato, montare i mobili dell’Ikea. La convenienza del lavoro ombra va tutta a vantaggio del venditore che in questo modo può scaricare sull’acquirente mansioni che rappresentano per lui un costo.

Allo stesso modo non si può coltivare l’ossessione per la raccolta differenziata e poi restare indifferenti davanti alla strage che colpisce i cuccioli d’uomo con l’aborto.

Ogni capitolo del libro tuttavia va meditato con attenzione. Alcuni esempi.

“Io e la mia vita” è una potente apologia della vita come dono di un Dio provvidente e creatore. Ogni vita è dono, ci dice Paola. Anche le vite considerate dai più come indegne di essere vissute. Paola che, come si sa, ha un figlio bellissimo ma seriamente malato, conosce a fondo, per esperienza diretta, il mistero del dolore nelle sue infinite e strazianti sfumature. Ma, come ci dice una delle tante schegge di luce del libro, «la fede è vedere senza vedere». Nell’oscurità, per grazia, Paola deve aver intravisto qualcosa: un mistero altrettanto innominabile, a cui accenna con infinita delicatezza attraverso poche semplici – ma incisive – parole che riproduco qui, con timore e tremore: la regola aurea consiste nel «lasciarsi amare e dipendere».

Un figlio malato è il testimone universale di un imperscrutabile disegno, un segno di carne posto lì, a ricordare che ognuno di noi è figlio, che ognuno di noi è bisognoso di essere amato, che ognuno di noi dipende dall’«amor che move il sole e l’altre stelle». È presenza viva che, interrogandoci senza posa, ci riporta alla nostra condizione di dipendenza originaria.

Tutti infatti dipendiamo da qualcosa o da qualcuno: dall’aria che respiriamo come dai genitori che ci hanno messo al mondo. La vera libertà, provvede a rammentarci Gustave Thibon, non sta nel rifiuto di ogni dipendenza. Giusto al contrario, siamo liberi quando dipendiamo da quanto amiamo. Pertanto dipendere da un Dio che ha l’amore come essenza è il vertice della libertà.

La fragilità, con l’imperfezione, è il marchio della nostra condizione creaturale. Non a caso l’homo fragilis è scandalo e follia in un mondo alla disperata ricerca di una inaudita autocreazione. Dove regna il culto della performance va da sé che una vita non performativa è la peggiore delle bestemmie. È la cultura dello scarto più volte additata da papa Francesco, figlia di un antropocentrismo che divinizza la volontà umana al punto di non ammettere più alcuna fragilità.

Siamo agli antipodi delle terre dell’amore divino, nel pieno delle terre del nulla, in un mondo chiuso in se stesso, sanabile solo da un amore che accolga la vita senza condizioni, che faccia spazio alla vita ferita, che si chini sulla carne colpita dalla sventura.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni