Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 12 Aprile |
Santa Teresa de los Andes
home iconStorie
line break icon

Sacerdote iracheno perdona l’assassino del fratello e chi lo ha cacciato di casa

Twitter AyudaIglesiaNeces

Religión en Libertad - pubblicato il 14/12/17

La sua esperienza di fede, ha aggiunto, gli ha mostrato che “Dio era con noi in ogni momento, e non è mai lontano dalle persone che soffrono”. Il sacerdote confida nella Provvidenza e nell’aiuto dei cristiani d’Occidente, “i miei fratelli”.

“Vogliamo tornare, vogliamo vivere come cristiani in Iraq”, ha aggiunto, avanzando anche una richiesta molto concreta: i cristiani iracheni vogliono “celebrare il Natale in casa, mettere il presepe e l’albero”.

Una campagna senza precedenti di Aiuto alla Chiesa che Soffre

Questa campagna è quella di maggior spessore intrapresa da Aiuto alla Chiesa che Soffre, ha affermato Javier Menéndez Ros, direttore di questa fondazione pontificia in Spagna.

Tecnici e architetti della fondazione hanno visitato le località cristiane della piana di Ninive casa per casa perché 12.000 famiglie vi potessero tornare. In totale, 13.088 case sono state danneggiate dai terroristi. Di queste, 8.291 sono state parzialmente distrutte, 3.357 bruciate e 1.234 totalmente distrutte.

363 edifici ecclesiali – parrocchie o cappelle – sono state colpite dai terroristi: 197 sono state parzialmente distrutte, 132 date alle fiamme e 34 completamente rase al suolo. Con la campagna “Aiutali a tornare” si vuole rafforzare la presenza cristiana in questa zona dell’Iraq, dalla quale sono stati espulsi 120.000 cristiani.

“Vogliamo tornare!”, ha concluso il suo intervento padre Naim, sapendo che la Provvidenza agirà per aiutarli.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
aiuto alla chiesa che soffrecristiani perseguitati in iraqiraqsacerdote
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
2
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
3
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
4
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni