Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

La risposta alle 4 domande inespresse che ci poniamo continuamente

Shutterstock
Condividi

Sono le cose non dette che comunicano a un amico o a una persona cara che ha grande valore per noi

Queste piccole offerte di connessione si verificano durante la giornata, ogni giorno. Quando vengono ignorate o la persona risponde con un’attenzione minima, erode il rapporto come la rabbia e le parole crudeli. È perché ignorare un’offerta di connessione non è solo una mancanza di risposta, ma una risposta chiara, un sonoro “No” a quelle quattro domande che costituiscono il sottotesto di tante delle nostre interazioni.

Pensiamo che basti non essere irritabili o ingiusti con le persone che amiamo, ma anche il sottotesto delle nostre parole è potente, più di quanto immaginiamo. Ricordo sempre mio padre, falegname e fan dello sport, che spegneva immediatamente la radio quando aprivamo la porta del suo negozio. Quel piccolo gesto diceva molte cose – che eravamo i benvenuti lì, che la nostra compagnia era più importante del punteggio, che se avevamo qualcosa da dire ci avrebbe ascoltati. Sono le piccole cose. Il contatto visivo, un sorriso quando una persona cara entra nella stanza, mettere via il telefono durante una conversazione e rispondere oltre il minimo sindacale a quelle piccole offerte di attenzione che sono il modo più potente di comunicare a un amico o a una persona cara che per noi è veramente importante.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni