Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un modo brillante per dire ai vostri figli che Babbo Natale non esiste

Chelsea Victoria | Stocksy United
Condividi

Potrebbe anche insegnare ai bambini ad essere più generosi

Diciamo che quando vostro figlio aveva un anno o due avete deciso di raccontargli la storia di Babbo Natale – il camino, il Polo Nord, le renne e tutto il resto.

Ma ora vostro figlio ha sei o sette anni e potreste sentirvi un po’ a disagio, come se potesse accusarvi di averlo ingannato per tutti quegli anni. Cosa dovreste dire? “Tesoro, ho mentito, Babbo Natale non esiste”?

Per fortuna, online gira da anni una bella soluzione su come dare la notizia in modo gentile, preservando allo stesso tempo lo spirito di Babbo Natale.

In primo luogo, portate fuori vostro figlio per una cioccolata calda. È un incontro tra adulti in cui gli darete delle informazioni da adulto – una sorta di cerimonia di iniziazione. Poi ditegli che è troppo grande per ricevere ancora regali da Babbo Natale, ma – ecco il trucco – ora è abbastanza grande (e il suo cuore è diventato abbastanza grande) per diventare lui stesso Babbo Natale.

Sì, presentate la cosa come se il “ruolo” di babbo Natale si trasmettesse ai bambini una volta che raggiungono una certa età, dicendo a vostro figlio che ormai è abbastanza grande da portare gioia alle altre persone in modo generoso e totalmente anonimo. Vostro figlio deve scegliere qualcuno per cui essere Babbo Natale, ad esempio un amico o un vicino. Dovrebbe cercare di capire cosa desideri quella persona per Natale e poi comprarla, consegnando il dono in modo completamente anonimo, e così via negli anni a venire.

Non è solo un modo elegante per uscire dall’“impasse” di Babbo Natale, ma presenta anche l’idea di Babbo Natale come colui che offre doni in segreto che tutti possiamo incarnare. Instilla anche i valori del fare attenzione agli altri e dell’aiutarli, valori più semplici da praticare a Natale, quando siamo già pronti a considerare di fare regali e opere caritatevoli. Con una buona guida i nostri bambini interiorizzeranno questo senso di gentilezza e generosità, che diventerà, per così dire, una parte del loro DNA spirituale.

E potreste trovarvi con un bambino più generoso proprio per questo motivo.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.