Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconFor Her
line break icon

La Chiesa dica sempre il mistero e la grazia di ogni vita sofferente

Shutterstock

Costanza Miriano - Il blog di Costanza Miriano - pubblicato il 13/12/17

Nascita e morte sono i grandi misteri che nessuno Stato può arrogarsi il diritto di governare: sul fine vita, noi cristiani, non dobbiamo (solo) dibattere

Non sono abbastanza competente per entrare nel merito della legge sulle Disposizioni Anticipate di Trattamento. E’ un tema anche molto tecnico, del quale pochissimi di noi secondo me hanno titolo a parlare.

Non doveva proprio diventare tema di una legge, non è qualcosa su cui si può legiferare: stiamo parlando di una materia viva e complessa come il corpo, singolo, individuale, particolarissimo, qualcosa su cui anche il nostro personale giudizio può cambiare profondissimamente anche a distanza di poco tempo, talmente tante sono le variabili in gioco, non ultima la malattia che non è un protocollo fisso a tappe programmate, ma un processo anche quello pieno di possibili varianti.

Comunque, come dicevo, io non sono competente, ma neppure riconosco allo Stato l’autorità di permettere un giudizio sulla vita di nessuno.

Riconosco invece benissimo come il governo metta le priorità per obbedire alle agende dettate da qualcun altro (esiste qualcuno, a parte quei due o tre casi su milioni di malati, su cui i Radicali si sono buttati come falchi, per cui questa sia una priorità veramente, ideologia a parte?), sia per pagare, chissà, delle cambiali contratte non so dove, sia per fingere di fare delle riforme, ma a costo zero, anzi per risparmiare sulla sanità incoraggiando la morte: ovviamente costa molto di più curare fino alla fine che fare secco qualcuno con un’iniezione da pochi euro, per non parlare di riparare le strade, ricostruire le case, pagare assistenza ai disabili (d’altra parte lo Stato è coerente, ce l’aveva detto che bisognava ammazzarli, magari anche prima che nascessero, e se una famiglia ostinata vuole tenersi un figlio disabile e non ucciderlo nonostante le diagnosi prenatali, bene, se la veda da sola).

Ma che il Governo voglia risparmiare riesco persino a capirlo, seppure non a scusarlo. Che voglia chiamare questi tagli sulla vita delle persone “riforme” lo tollero di meno. Ma non mi scandalizza.

Quello che invece desidero da mia madre, la Chiesa, maestra di umanità, è che non scenda a parlare di queste cose al livello di simili interlocutori. Non si metta a discettare di terapie o accanimento, o almeno non solo. Che la Chiesa continui ad annunciare, prima di tutto, con forza, fino a sgolarsi, che il mistero di ogni vita sofferente è una grazia, un aiuto per continuare a tenere gli occhi fissi sul Mistero.




Leggi anche:
Ecco il corpo scelto dell’esercito di Dio

Perché il dolore esiste, la morte ci aspetta tutti, ed è il vero nemico di tutti (non credo a chi dice di non temerla: semplicemente la sta rimuovendo), ma è un nemico che Cristo ha sconfitto.

E chi vive con questa speranza sa che la sconfitta è avvenuta proprio grazie alla croce: da allora ogni sofferenza, se accolta, può unirsi a quella sofferenza che, misteriosamente, continua a salvare il mondo. E’ vero, il dolore è un mistero, soprattutto quello innocente.

Ma appunto ci permette di guardare il Mistero. E’ lì che si incontra, è nel deserto, è nella ferita, è nella sconfitta. E’ lì che Dio viene e ti fa entrare nella risurrezione già da adesso, da questa vita, se uno prende il giogo soave con lui. Perché esistano la croce, il dolore, la malattia, e poi la morte questo è un mistero. Ma sappiamo che la sofferenza accolta e non maledetta, la sofferenza offerta, salva. Non capiamo perché ma ci fidiamo, è un mistero di bene. Certo, non si pretende che lo capisca Marco Cappato, questo no, ma si pretende che la Chiesa lo annunci, e continui a farlo senza paura.




Leggi anche:
Papa Francesco: “La Croce di Gesù è la nostra unica vera speranza”

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
fine vitamistero pasquale
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni