Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Marciano di Siracusa
home iconStile di vita
line break icon

Perché gli adolescenti non confidano nei loro genitori?

Olimpik / Shutterstock

Javier Fiz Pérez - pubblicato il 12/12/17

La buona comunicazione tra padri e figli è la grande sfida per aiutarli nel loro sviluppo

L’adolescenza rappresenta un punto di inflessione nel rapporto tra genitori e figli. Il rapporto cambia sia a livello di frequenza che di contenuto delle interazioni. L’adolescente in generale è meno disposto a raccontare le cose ai genitori, a rivelare loro informazioni sulla sua vita. Per questo, i genitori si vedono costretti a chiedere notizie. Vogliono sapere cosa fa il figlio, mantenere il controllo sulla sua vita.

Questo a volte li porta a imporre regole e limiti alla libertà dell’adolescente, che dal canto suo ha la necessità fondamentale di cercare la propria autonomia e indipendenza (Keijsers & Poulin, 2013).

Di fronte a questa situazione, che non di rado diventa conflittuale, è essenziale avere chiaro che nonostante tutto la famiglia continua ad essere la chiave per il sano sviluppo del figlio, e per questo deve puntare sulla comunicazione, lo strumento che influisce sulla sua evoluzione fisica, psichica ed emotiva.

La grande sfida

Nell’adolescenza, la comunicazione tra genitori e figli diventa la grande sfida per entrambe le parti.

Come abbiamo detto, il rapporto cambia. Ci sono meno occasioni, perché ora i ragazzi passano più tempo con gli amici, e quando si cerca di relazionarsi ci sono più problemi. Si è spezzato qualcosa, c’è meno vincolo emotivo.

Nonostante questo, i problemi nella comunicazione non sono predeterminati, per cui il rapporto familiare cambierà ma non c’è motivo che peggiori. Tutto dipenderà in larga misura da com’è stato il rapporto durante l’infanzia, da come sono i legami affettivi.

Una comunicazione positiva, che tiene conto anche dei cambiamenti che si stanno verificando nel rapporto, favorirà molto la relazione tra genitori e figli. È comunque abituale che la comunicazione problematica sia associata a problemi che l’adolescente sta affrontando a livello scolastico, psico-emotivo e/o sociale.

Assenza di fiducia

Un aspetto molto comune è che gli adulti facciano delle promesse ai figli e poi non le mantengano. Questo, oltre ad essere un cattivo esempio, indebolisce e incrina il legame, visto che i figli sentono di non poter credere a quello che i genitori dicono che faranno.

Un’altra cosa che avviene in genere è che gli adolescenti, nel loro processo di crescita, inizino a sentirsi più autonomi e responsabili di se stessi, per cui possono arrivare all’estremo e considerarsi autosufficienti, non sentendo più la necessità di raccontare tutto ai genitori o di chiedere certi permessi o autorizzazioni e volendo prendere decisioni da sé senza consultare.

Yakobchuk Viacheslav | Shutterstock

Come risolvere la questione?

La chiave per aumentare la fiducia tra genitori e figli sta nel parlare con i figli di modo che non si sentano attaccati. Per questo bisogna usare frasi che inizino in modo positivo e stimolare la conversazione facendo domande e non solo impartendo sentenze.

Come genitori dobbiamo imparare ad ascoltare in modo aperto, lasciando anche lo spazio perché i figli facciano esperienza e sbaglino per imparare.

Voi sarete lì a sostenerli ogni volta che le conseguenze di questi errori non siano pericolose. I figli hanno bisogno di opportunità per sentire che si ha fiducia in loro, che crediamo in loro e li rispettiamo. La fiducia ha un effetto boomerang.

Noi adulti siamo i primi a doverla promuovere, perché senza di essa i rapporti con gli altri difficilmente saranno solidi.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
adolescentieducazionefiducia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni