Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 05 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconNews
line break icon

Natale perseguitato: 6 Paesi in cui per il Bambino Gesù è “proibito nascere”

Aleteia Brasil - pubblicato il 12/12/17

Due le principali cause di ostilità: l'ideologia comunista e il fondamentalismo islamico

Se il Bambino Gesù, la Madonna e San Giuseppe si sono visti chiudere varie porte fino ad arrivare alla sanguinosa persecuzione perpetrata da Erode, anche la situazione attuale dei cristiani in varie parti del mondo non è molto favorevole neanche nel periodo natalizio.

Oltre all’oppressiva commercializzazione e alla laicizzazione forzata del Natale in un mondo chiamato “libero” e “ricco”, ci sono Paesi in cui celebrare la nascita di Gesù è ufficialmente proibito, e può portare a pene che includono quella capitale.

In questi Paesi le cause dell’ostilità sono principalmente due: l’ideologia comunista in alcuni e il fondamentalismo islamico nella maggior parte degli altri.

Tra i casi che richiamano maggiormente l’attenzione ci sono quelli di sei Paesi.

1 – Brunei

Cinque anni di prigione: questa la pane che questo piccolo Paese musulmano orientale può applicare a chi commette il “crimine” di… celebrare il Natale.

Il sultano della monarchia assolutista del Brunei, Hassanal Bolkiah (nella foto), ha stabilito questa pena per chi viene scoperto ad aderire in qualche modo alle festività natalizie, anche solo mediante l’invio degli auguri di Natale a parenti e amici. I non musulmani possono celebrare il Natale nel Paese, a patto che sia all’interno delle proprie comunità e con il permesso delle autorità.

Il Ministro per le Questioni Religiose ha dichiarato che la misura “antinatalizia” vuole evitare “celebrazioni eccessive e aperte, che potrebbero pregiudicare l’aqidah (fede) della comunità musulmana”. Dei 420.000 abitanti del Paese, ricco di petrolio, il 65% è costituito da musulmani.

Nel dicembre 2015, un gruppo di imam (chierici dell’islam) ha diffuso un messaggio ai fedeli islamici del Brunei mettendo in guardia contro le celebrazioni “non legate all’isola”. Per loro, “i musulmani che seguono gli atti di quella religione (il cristianesimo) o usano i suoi simboli religiosi, come la croce, candele accese, albero di Natale, canti religiosi, auguri natalizi, decorazioni e suoni che equivalgano a rispettare quella religione vanno contro la fede islamica (…). Alcuni possono pensare che la questione sia frivola, ma come musulmani dobbiamo evitare le celebrazioni di altre religioni per non influenzare la nostra fede islamica”.

Malgrado le misure intolleranti, non sono mancati residenti del Brunei che hanno respinto il divieto non appena è stato imposto, divulgando foto natalizie sui social network usando l’hashtag #MyTreedom (un gioco di parole con “tree”, albero, e “freedom”, libertà, in inglese).

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
arabia sauditacinacorea del nordnatalepersecuzione cristianisomalia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
DOCTOR
Vanderlei de Lima
La sofferenza è una punizione di Dio?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni