Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconSpiritualità
line break icon

Qual è il compito che mi ha affidato Dio?

Bardia Photography-(CC BY-NC-ND 2.0)

padre Carlos Padilla - pubblicato il 08/12/17

Vorrei vivere senza preoccupazioni. Quando gli impegni mi schiacciano e non riesco a star loro dietro. Quando vivo chiuso in me stesso, preoccupato e angosciato. E allora mi mancano le forze per camminare da solo. E voglio che Gesù venga da me e mi dica che è con me, che ha bisogno di me, che è nato per dare un senso alla mia vita. Desidero toccarlo, come Maria toccava Gesù tra le sue braccia. O come San Giuseppe lo guardava commosso. O come lo contemplavano quei magi e quei pastori che hanno lasciato tutto per vedere Gesù.

Voglio vedere il suo volto in mezzo a una grotta, in mezzo alla mia notte, in quella notte di Betlemme, quella fredda notte invernale. Ma credo che spesso mi preoccupo del mondo che mi inquieta. Mi mancano le forze per vigilare sempre e stare attento a ciò che può accadere. Sarà colpa del mio peccato. Delle mie mancanze e delle mie imperfezioni. Non sono perfetto. Mi stanco di sforzarmi e vigilare. Mi stanca essere sempre attento.

Ho bisogno della forza di Dio per continuare a stare in piedi. Diceva padre Kentenich che “quando quel compito di vigilanza riposa solo nella virtù non potremo liberarci dalla stanchezza, come la vedetta sulla sua torre soffre quando si affatica a mantenere l’attenzione fissa sull’orizzonte ed evitare ogni distrazione. Per svolgere il lavoro di vegliare e stare attenti serve l’aiuto dello Spirito Santo”.

Vedo tante imperfezioni nella mia anima. Tanto peccato. Tanti buoni propositi incompiuti. Vedo che non faccio ciò che voglio fare. Non faccio il bene che voglio e non evito il male che temo. Non vigilo. Non sto attento per vedere dove sono tentato nella vita e mi lascio trasportare. Non amo profondamente chi mi ama. Non mi dono con generosità quando mi viene richiesto. Ho bisogno che venga il suo Spirito.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
attesa

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni