Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Qual è il compito che mi ha affidato Dio?

Condividi

In questo Avvento voglio vigilare e non essere chiuso in me stesso

Inizia l’Avvento e voglio stare attento al passaggio di Dio nella mia vita. Voglio vigilare e non essere chiuso in me stesso. Ascolto: “Vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare. Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!

So che Dio dà a ciascuno un compito. Qual è il mio? Che missione mi ha affidato? Spesso vedo molti compiti e mi sento piccolo di fronte a quella sfida immensa. Resto sopraffatto da quello che ci si aspetta da me. Da tutto quello che non faccio. Vedo le persone che Dio mi ha affidato. Mi ha messo lì per vigilare. Per stare attento ai pericoli. Voglio vegliare, voglio vigilare. Ma a volte vivo chiuso in me stesso.

Giorni fa una persona mi parlava del pericolo di chiudersi in sé. Succede quando penso solo a me, a quello che sta accadendo nella mia anima. Vivo angosciato da tutto ciò che mi succede. Soffro tra le mie paure. E allora smetto di guardare al di là delle mie preoccupazioni immediate. Non vedo nessuno se non me stesso. Non vedo Dio che agisce in mezzo al mio deserto.

Sono chiuso in me stesso, preoccupato, angosciato. Non vedo Dio che sostiene i miei passi. Mi piace quando Gesù mi dice di vigilare, di stare attento, perché viene da me. Mi piace pensare che venga. È vero che non conosco il momento in cui verrà da me. Non so quando mi abbraccerà senza che me lo aspetti. Non so quando mi dirà di agire o di rimanere tranquillo. Non riesco a vedere la sua presenza nelle mie notti e in mezzo alle mie paure. Non distinguo il suo volto. Non sento la sua voce dentro di me perché non taccio.

Voglio guardare e scoprire Gesù nei miei giorni e nelle mie oscurità. Nelle mie tenebre e nel mio freddo. E aspetto un incontro profondo con Lui che mi cambi la vita. Sogno di vedere il suo volto e di toccare le sue piaghe. Voglio convertirmi una volta per tutte. Vorrei vedere Gesù che nasce per dare un senso alla mia vita, io inginocchiato in quella grotta fredda. Mi rallegra pensare alla possibilità di vederlo quando sono angosciato per il tanto lavoro e le preoccupazioni.

Pagine: 1 2

Tags:
attesa
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni