Aleteia

Gesù non è il tuo “asso nella manica”

Condividi
Commenta

Il Signore non ha permesso accidentalmente a chi lo seguiva di insegnare con autorità

Sulla pagina Facebook di un amico, un commentatore ha inserito una tirata lunga, ripetitiva e non molto coerente dichiarando il Purgatorio “non biblico”. Tra le altre cose ha scritto che “Paolo era un ebreo convertito al cristianesimo, e le lettere che ha scritto erano indirizzate a Chiese specifiche con specifici pregiudizi. Essendo stato ebreo, non poteva sicuramente scrollarsi di dosso tutte le antiche tradizioni di questa linea di pensiero, un po’ come fa lei. Per noi non è importante perché non è quello che ha detto Gesù. Paolo non è superiore a Gesù”.

Quest’uomo dichiara con certezza cos’è e cosa non è “biblico”, e dal suo punto di vista in modo abbastanza corretto. Ma ecco l’aspetto bizzarro. Ritiene che San Paolo non solo sbagli, ma sia fondamentalmente inaffidabile. L’apostolo avrebbe scritto sulla base di “pregiudizi” e “antiche tradizioni” che non poteva “scrollarsi di dosso”. Il suo criterio per decidere ciò che in Paolo è pregiudizio e tradizione sembra essere “le cose che Paolo ha detto e che Gesù non aveva ancora detto”. Penso che si tratti in realtà delle “cose che Paolo ha detto che non mi piace che Gesù non abbia ancora detto”, ma forse non è così.

Che lo sappia o no, sta dicendo che il Nuovo Testamento al di fuori dei Vangeli non insegna con autorità. Paolo e gli altri scrittori non potevano liberarsi dell’educazione che avevano ricevuto. Dicevano cose con quella che ritenevano un’autorità apostolica ma non erano vere. Solo Gesù parla con vera autorità.

Questo vuol dire non “Gesù”, ma “la mia versione di Gesù”. Il problema nell’usare Gesù come fa quest’uomo è ritenerlo un recipiente in cui possiamo inserire tutto ciò che vogliamo. Egli è venuto a predicare la buona novella e a morire e risorgere, non a dirci tutto ciò che dobbiamo sapere per seguirlo fedelmente dopo che è tornato al Padre.

Separare Gesù da Paolo e dal resto del Nuovo Testamento, e dalla Chiesa che è il suo Corpo, ce lo fa usare come “asso nella manica” che prevale su ogni argomentazione. È una tentazione cristiana perenne da cui la Chiesa ci difende, e una delle cose che mi hanno attirato alla Chiesa stessa.

Alla ricerca di Gesù

Quando ero un ragazzo vagamente cristianizzato, la gente ha provato a mostrarmi Gesù, e la benedico per averlo fatto. Notavo che Gesù cambiava da persona a persona, e che nessuno dei Gesù che mi venivano presentati si adattava a quello di cui leggevo nei Vangeli.

Quelli che mi venivano presentati erano sempre più belli di quello della Bibbia, e molto più prevedibili. Questi Gesù tendevano a rispettare un modello, quello dei Vangeli no. Non lo avevo etichettato. Questo mi suggeriva, per quanto fossi annebbiato all’epoca, che le storie indicassero un uomo reale. Uno scrittore avrebbe poi buttato giù la storia.

E i miei amici facevano in effetti così. Presentavano due versioni diverse. Alcuni mostravano quello che immaginavo un Gesù biondo simile a un surfista, il Gesù tranquillo che ci diceva che andavamo benissimo così, altri presentavano il Gesù rivoluzionario. Ora lo chiamerei il “Gesù della giustizia sociale”, ed era quello che voleva portarci in prima linea, farci agitare i pugni in aria e e lottare contro l’establishment. Preferivo di gran lunga il secondo.

Pagine: 1 2

Condividi
Commenta
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni