Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 22 Febbraio |
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Dopo “L’Esercito di Cristo”, Don Alessandro Cossu punta su Baby K!

FATHER ALESSANDRO COSSU

YouTube - SanTeodoro it

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 07/12/17

Le canzoni del parroco di San Teodoro spopolano sul web e inneggiano festosamente al Signore. Ma sul web ci sono anche molte critiche

Un video, diventato virale in Rete, ideato per avvicinare i ragazzi alla fede: «Dobbiamo parlare il loro linguaggio, se vogliamo che i giovani tornino a frequentare la chiesa». È la strategia di don Alessandro Cossu, 40 anni, originario di Tempio, da un anno alla guida della parrocchia di San Teodoro (Olbia).

[protected-iframe id=”7e61f6c84a5c1ba66cf918fbcdf28a95-95521288-56301267″ info=”https://www.facebook.com/plugins/video.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Ftgcom24%2Fvideos%2F1806410399391813%2F&show_text=0&width=560″ width=”560″ height=”315″ frameborder=”0″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no”]

Ha deciso di realizzare questa sorta di “cover” del tormentone che impazza sul web,

, che nella versione del prete sardo diventa “L’esercito del Cristo” (L’Unione Sarda, 7 dicembre).

La “benedizione” del vescovo

Cantata dai cresimandi durante la messa per il conferimento del sacramento, ha ricevuto grandi complimenti anche dal vescovo di Olbia-Tempio, monsignor Sanguinetti (Sardegna Live, 7 dicembre).

«È stato contentissimo della sorpresa, dato che i ragazzi hanno cantato e ballato durante la messa per il sacramento. ‘Questa è la chiesa che voglio, che mi piace’ sono state le sue parole», dice Don Alessandro.

[protected-iframe id=”66f3f6879fb0ebd92cc802fa7e984d2e-95521288-56301267″ info=”https://www.facebook.com/plugins/video.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FGiornalettismo%2Fvideos%2F1528834000485482%2F&show_text=0&width=560″ width=”560″ height=”311″ frameborder=”0″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no”]

Ispirato da Assisi

Ll’idea di parafrasare il tormentone? «E’ nata per motivare i cresimandi, negli ultimi mesi abbiamo organizzato diverse iniziative; durante un viaggio ad Assisi, i ragazzi continuavano a cantare quella canzone e una catechista ha detto ‘questo rimarrà il nostro ricordo della gita ad Assisi’. È lì che ho pensato di creare un nuovo testo da adattare a quella musica».

“Ci ho messo la faccia”

Le parole sono state scritte «da me con un collaboratore di Agrustos; abbiamo impiegato tre giorni. Del resto mi sono dovuto mettere in gioco. Molte persone non erano molto disponibili, temevano prese in giro o cose simili. Io invece ci ho messo la faccia».

“Voglio ballare con te”

Don Alessandro non si ferma a L’esercito del Selfie/L’Esercito di Cristo. Ci sono altri progetti in cantiere.«Sì, uno per il 20 dicembre: la cover di ‘Voglio ballare con te’ di Baby K che diventerà ‘Voglio pregare con te’ ed è un canto di natale».

Eppure se da un lato Don Alessandro ci ha «messo la faccia», dall’altro il web è diviso su questo tipo di evangelizzazione. Basta leggere i commenti sotto i video per verificare che sono molti gli utenti critici secondo cui in questo modo si sbeffeggia la fede.

Tags:
canzonenuova evangelizzazioneparroco
Top 10
See More