Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Sacerdoti millennials, il cambiamento di cui la Chiesa aveva bisogno?

© THE RECORD CC
Condividi

Ricordiamo che la vocazione ha a che vedere con la chiamata e che oggi non è molto diversa da quello che hanno sperimentato gli apostoli o i santi tempo addietro. La vocazione viene da Dio, e grazie a Lui e alla sua misericordia oggi, anche se i tempi presentano cambiamenti che sembrano non adattarsi alla vita religiosa, Dio continua a scegliere e a convocare persone che annuncino con gioia la sua Parola. E all’interno della Chiesa il Signore suscita con il suo Spirito un vento rinnovato, che si adatta ai tempi moderni. Per questo i sacerdoti possono vivere oggi, come millennials, avvalendosi di Instagram, Internet e gli smartphone. Sono accessori che possono aiutare a far sì che l’evangelizzazione sia più incarnata, il che non cambia il fatto che l’uomo continui ad essere uomo e che il suo cuore sia di Cristo, che la sua vita sia consacrata per rendere presente Cristo in mezzo agli uomini.

Ciò che corrobora questa realtà è che la vocazione è opera di Dio e che è significativo che esistano ancora sacerdoti e consacrati in una cultura che si attacca a ciò che è superficiale, che è attenta a tante cose allo stesso tempo e non a ciò che è essenziale – una cultura dello zapping e dello scarto. Nonostante questo, Dio conquista i cuori di giovani che trascendono questi aspetti che non saziano la loro fame di infinito e felicità.

Rendiamo grazie al Signore che mantiene la sua promessa di stare sempre con noi e di offrirci la sua presenza costante e rinnovata attraverso i suoi sacerdoti, che sono testimonianza del suo amore nel mondo.

Alcune frasi che possono servire:

“Servite Dio, siate buoni e fatelo con allegria, con costanza, con umiltà. Non si tratta di imparare un mestiere, ma di portare Cristo nel cuore per poterlo offrire senza riserve agli altri, soprattutto a chi ne ha più bisogno” (Papa Francesco ai sacerdoti)

“Voi, cari seminaristi, non vi state preparando a fare un mestiere, a diventare funzionari di un’azienda o di un organismo burocratico. (…) State attenti a non cadere in questo! Voi state diventando pastori ad immagine di Gesù Buon Pastore, per essere come Lui e in persona di Lui in mezzo al suo gregge, per pascere le sue pecore” (Papa Francesco ai seminaristi)

“Il sacerdote viene sottratto alle connessioni del mondo e donato a Dio, e proprio così, a partire da Dio, deve essere disponibile per gli altri, per tutti” (Papa Benedetto XVI ai sacerdoti)

“Agite come fari di speranza, irradiando la luce di Cristo nel mondo ed incoraggiando i giovani a scoprire la bellezza di una vita donata completamente al Signore e alla sua Chiesa!” (Papa Benedetto XVI ai sacerdoti).

Qui l’originale

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni