Aleteia
giovedì 22 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
Stile di vita

Siamo sicuri che i figli non si facciano per via della crisi economica?

Elisa Calessi - pubblicato il 04/12/17

Quali sono le condizioni che ci permettono, davvero, di mettere al mondo i figli? Quale visione della vita, dell'amore, del lavoro?

Non è vero che non si fanno figli per colpa della crisi economica. E non è vero che i giovani fuggono dall’Italia per colpa della disoccupazione. Incredibile ma vero, le due notizie – che clamorosamente demoliscono due dogmi dell’odierno pensiero comune, politico e culturale – appaiono tra le righe del più politicamente corretto dei quotidiani borghesi: il Corriere della Sera. E, devo dire, la scoperta mi ha messo incredibilmente di buon umore, cosa che raramente capita nella lettura mattutina dei giornali.

La prima buona notizia è nell’intervista a Patrizia Farina, demografa dell’Università Bicocca di Milano. Intervistata da Alessandra Arachi, commenta i dati diffusi ieri (il 28 novembre 2017 n.d.r.) dall’Istat, che parlano di un calo di 100 mila nascite  in otto anni.




Leggi anche:
La crisi delle culle vuote

“L’Istat”, nota Farina, “ci fa vedere che la riduzione del numero dei primi figli è responsabile al 57 per cento del calo complessivo della fecondità”.

Quindi? Continua la demografa:

“E’ un numero che abbatte in maniera evidente l’idea che non si fanno figli per problemi economici. I problemi economici – che pure esistono – frenano l’idea di fare un secondo o un terzo figlio. Ma quando non si mette al mondo il primo figlio lo si fa principalmente per tanti altri motivi”.

Suggerisce, poi, che quando la statistica parla di “fecondità, dovrebbe anche indagare gli aspetti relativi agli uomini, la loro fertilità, i loro desideri, le loro aspettative”.

Poco più avanti, un articolo del bravo Federico Fubini racconta un altro fenomeno che smentisce un altro inossidabile assioma: c’è la crisi, manca il lavoro, i nostri ragazzi, i migliori ovviamente, fuggono all’estero. Falso. Il 2017, ricorda Fubini, ha segnato l’inizio dell’uscita dalla crisi. Il Pil cresce.

La velocità con cui si sono creati nuovi posti di lavoro è sorprendente. Vi risparmio le cifre, ma è così. Eppure la Gran Bretagna, nonostante la Brexit, registra flussi di arrivo in crescita dall’Italia. Non è successo con i portoghesi, gli spagnoli, gli ungheresi che, man mano che la crisi morde meno, hanno lasciato la terra inglese per tornare a casa. Greci e italiani no. Continuano ad andare a Londra, fregandosene delle analisi apocalittiche su Brexit, dell’Ema che trasloca, della sterlina, dell’isolamento inglese.

Perché?

Perché, come altre volte ho scritto in questo spazio, la crisi economica e le statistiche non spiegano tutto. Perché i soldi non rispondono a tutto. L’uomo non è solo materia. Certo che i soldi condizionano la vita delle persone. Eccome. Ma non sono l’unica motivazione di una scelta. Nemmeno la principale. E non sono l’unico condizionamento, l’unico fattore che impedisce una scelta.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
crisi demograficaistatsperanza
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha ...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni