Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 20 Giugno |
Beata Vergine Maria Consolatrice
home iconStile di vita
line break icon

Il matrimonio è la tomba…della demenza senile!

Shutterstock

Paola Belletti - Aleteia Italia - pubblicato il 02/12/17

Un corposo studio da poco pubblicato dimostra che le persone sposate riducono drasticamente il rischio di demenza senile

Lo dicono a chiare lettere i risultati di 15 studi internazionali raccolti in un’unica ricerca: essere sposati protegge dalla demenza senile e dall’Alzheimer, malattie che sono tra le voci più pesanti dal punto di vista sanitario e sociale.

Ora potremmo lasciare una serie di righe libere, di modo che il lettore possa compilarle da solo con tutte le smentite che gli verranno alla mente!

Saremmo tutti in grado di scrivere battute sulla “tortura” che il coniuge ci infligge, dimostrazioni ineluttabili della demenza precoce che affligge molti di noi coniugati (cioè non noi, ma il nostro coniuge, ovvio!) e via di seguito, con le più classiche schermaglie marito-moglie.

Eppure anche quelle, anche questa leggera tensione, amorosa, benevola, come un piccolo disordine che lasciamo esprimere per poi tornare in armonia, fanno parte dello “stile di vita” da sposati che contribuisce a farci stare meglio più a lungo, anche sul fronte cognitivo e mentale.




Leggi anche:
Le emozioni sono contagiose: per essere felici, rendiamo felici le persone con cui viviamo!

Siamo nell’epoca che sembra osservare tutto attraverso il prisma del benessere, non di rado in maniera quasi idolatra.

Possiamo accettare di prendere la faccenda da questo lato, quello della salute e dello stare bene, traendone poi le dovute conseguenze. Fino ai principi.

Sì, essere sposati, restando fedeli, aumenta il benessere generale della persona ed in particolare riduce di una percentuale sfacciatamente significativa il rischio di demenza senile. Perché?

  • 1
  • 2
Tags:
benesserefedeltamatrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni