Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
Storie

L'alpinista Simone Moro: la felicità è nelle nostre mani

Simone Moro

Photo By Cory Richards | Jeep-people | Flickr CC

Credere - pubblicato il 01/12/17

«Dio ci dà la massima libertà e una altrettanto grande responsabilità: essere i protagonisti dei nostri sogni».

di Laura Bellomi

Devo perché posso. Per Simone Moro non è solo il titolo dell’ultimo successo editoriale, ma è il motto di una vita. «Devo perdonare perché posso perdonare, devo credere alle imprese perché posso farcela», dice l’alpinista, fra i più noti al mondo.

Simone Moro, «devo perché posso» sembra un imperativo morale. Per lei quale significato ha?

«Mi ispiro a santa Teresa di Calcutta e al suo la “felicità è un percorso, non una destinazione”. Spesso nella vita ci costruiamo degli alibi: non sono ricco, non ho raccomandazioni, non ho l’età. Io invece penso che ogni giorno ci si debba mettere in cammino per raggiungere i propri obiettivi. Poi non sempre si ottiene il risultato, io stesso riesco a portare a termine una spedizione su tre. Mi chiamo Simone: mi rassicura pensare che anche Simon Pietro ha sbagliato parecchio… eppure Dio gli ha affidato le chiavi del Paradiso».

Cosa sognava da bambino?

«Di diventare alpinista! I miei genitori ci portavano in campeggio sulle Dolomiti. Andavamo a funghi e a camminare: attività semplici, autentiche, che mi hanno fatto innamorare della montagna. Poi sognavo a occhi aperti leggendo i libri di Reinhold Messner (alpinista fra i più forti di tutti i tempi, ndr). Anche io avevo una lunghissima lista di alibi: nato in una famiglia “povera”, nella città di Bergamo e non sotto le Alpi. In più fra i miei fratelli ero l’unico con gli occhiali e i denti storti, il più bruttarello insomma. Però dentro di me sentivo un fuoco e, lavorando sodo, ho trasformato queste condizioni sfavorevoli nel segreto del mio successo. Ho capito che scalare era la mia chiamata e che rimanendo normale, senza rinnegare i miei valori, avrei potuto trovare la felicità».

E i suoi genitori? Come hanno accolto questo desiderio?

«Mi hanno detto “Ok, provaci. Il tuo sogno è sacro”. Allo stesso tempo mi hanno spinto a studiare per avere un “piano b”».

Come ha fatto a diventare il fuoriclasse che è oggi?

«Grazie alla normalità, che è poi il segreto dell’eccezionalità. Ho fatto cose straordinarie (come scalare il Nanga Parbat in inverno, impresa riuscita a nessun altro, ndr) rimanendo un uomo ordinario. Gli atleti spesso vengono dipinti come eroi, ma attenzione: non sono solo le abilità a cambiare l’uomo, ma anche le virtù. Ciascuno ha dentro di sé l’ingrediente per diventare eccezionale».

Lei non fa mistero della sua fede. Chi gliela ha trasmessa?

«Provengo da una famiglia fortemente cattolica. I miei nonni paterni avevano dieci figli: tre sono diventati preti, una suora e una fa la perpetua.

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
testimonianze di vita e di fede
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni