Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 26 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
home iconChiesa
line break icon

Nessuno sconto nel nuovo corso dello Ior. La linea del Papa dietro il licenziamento del direttore

Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 01/12/17

In questo contesto andrebbero inquadrate le epurazioni degli ultimi anni. Perché lo Ior deve diventare un simbolo di trasparenza

Una “inchiesta interna” è stata aperta in Vaticano sul conto di Giulio Mattietti, l’ormai ex direttore generale aggiunto dello Ior, allontanato dall’incarico e scortato lunedì scorso fuori dalle Mura Leonine. Lo apprende l’Ansa (30 novembre) da fonti qualificate.

Le modalità drastiche e improvvise dell’allontanamento di Mattietti sarebbero legate all’esigenza che non portasse via dei documenti sensibili. E proprio sulle carte e sugli strumenti informatici in suo possesso si incentreranno le prime verifiche interne. Il suo ufficio allo Ior è stato chiuso, pur senza l’apposizione di sigilli.

Mattietti era stato nominato nel novembre 2015 insieme all’attuale direttore generale, Gian Franco Mammì.

L’inchiesta sull’antiriciclaggio

Non si può certo dire che la storia anche recentissima dello Ior sia stata avara di colpi di scena: subito dopo l’elezione, Papa Francesco si è trovato a fare i conti con l’inchiesta della magistratura italiana nei confronti del direttore Paolo Cipriani e del suo vice Massimo Tulli, condannati nel febbraio 2017 per violazione delle norme antiriciclaggio.


MATKA TERESA Z KALKUTY

Leggi anche:
Madre Teresa aveva un megaconto allo IOR? E dov’è lo scandalo?

La sequenza di presidenti

È poi a tutti noto l’avvicendamento turbinoso di presidenti alla guida dell’Istituto: da Angelo Caloia, finito sotto inchiesta della magistratura vaticana, ad Ettore Gotti Tedeschi defenestrato nel maggio 2012, per arrivare ad Ernst von Freyberg e quindi all’attuale Jean-Baptiste de Franssu.

Una svolta è stata certamente segnata dalla nomina del direttore Mammì. Ma evidentemente le difficoltà e le tensioni interne non erano finite.

La conferma del Vaticano

La vicedirettrice della Sala Stampa della Santa Sede ha confermato il provvedimento: «L’aggiunto del Direttore generale dell’Istituto per le Opere di Religione (Ior ndr) ha cessato il suo servizio lunedì 27 novembre».




Leggi anche:
Ior, chieste condanne agli ex manager Cipriani e Tulli

«Chi sbaglia paga»

«Si tratta di una normale attività di gestione d’impresa: è venuta meno la fiducia, e in questi casi, trattandosi di un dirigente di alto livello che ha un certo tipo di contratto, si procede in questo modo, come avviene in qualunque impresa – spiegano al La Stampa (28 novembre) fonti vicine all’Istituto – Non è vero che l’ex “aggiunto” è stato accompagnato ai cancelli dai gendarmi». Allo Ior ci tengono a far sapere che «questi provvedimenti vengono presi con trasparenza, e senza compromessi, ma che rientrano nei normali rapporti contrattuali all’interno di un’impresa. Chi sbaglia paga».




Leggi anche:
406 milioni di dollari: il risarcimento del Vaticano per il crack del Banco Ambrosiano

La linea intransigente di Bergoglio

Completa trasparenza, puro servizio per il mondo ecclesiale e difesa della reputazione dell’Istituto e della Santa sede: questa la linea dello Ior attesa alla prova dei fatti. E non potrebbe essere diversamente, con papa Francesco – come ha ricordato il sociologo della Cattolica di Milano, Mauro Magatti – che più volte ha «espresso valutazioni severe sullo stato dell’economia globale» denunciando il «feticismo del denaro».

In questo riprendendo la linea di Benedetto XVI e di tutta la Dottrina sociale della chiesa, per cui «l’economia è al servizio dell’uomo. Ma quando il rapporto si inverte, un bene si trasforma in male» (Corriere della Sera, 31 maggio 2013).

Tags:
bancaiorpapa francescovaticano
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
4
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
5
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni