Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconStile di vita
line break icon

Le emozioni sono contagiose: per essere felici, rendiamo felici le persone con cui viviamo!

Pixabay/thisismyurl

Silvana De Mari - pubblicato il 01/12/17

Quando facciamo un complimento a qualcuno il suo cervello produce serotonina. Dobbiamo essere generosi con la parola "grazie" e con i complimenti

Quando noi facciamo un complimento a qualcuno, un complimento credibile evidentemente, altrimenti le persone si irritano, il suo cervello produce serotonina. Noi dobbiamo essere generosi, sempre, con la parola “grazie” e con il complimento. Cerchiamo di dare ragione alle persone, e prima di tutto i nostri familiari. Una frase come: “quanto ti sta bene quel maglione” vuol dire “hai avuto ragione metter quel maglione”. Una frase come “Che belle pesche hai comprato” è enormemente rassicurante per una persona, le cambia l’umore della giornata. Lo stesso vale per il contrario “Come hai fatto a pagare cinque euro ‘sta porcheria?”.

Non umiliamo una persona per questo, e meno che mai un altro familiare, qualcuno con cui viviamo. Le emozioni sono contagiose: se vogliamo essere felici, rendiamo felici le persone con cui viviamo. Grazie, come ti sta bene quel maglione, che belle pesche hai comprato, buono questo caffè. Forse noi avremmo comprato delle pesche migliori, ma non è detto che le persone debbano fare le cose esattamente come le facciamo noi, perché altrimenti non vanno bene. Questa è la maledetta trappola che si chiama perfezionismo, l’altro caposaldo, insieme al vittimismo, per rovinare la vita nostra e quella altrui.




Leggi anche:
Perché lamentarsi sempre? È più intelligente cercare di essere felici!

Possiamo cominciare ad esercitarci, usciamo da un negozio, lasciando un umore migliore di quello che c’era all’inizio; a volte è sufficiente dire “buon giorno signora”, alla cassiera o alla signora del banco della gastronomia, e ci rendiamo conto che abbiamo ottenuto il risultato di migliorare l’umore di un altro. Alla signora del call center che comincia il discorso dicendo, “pronto sono Marina, cosa posso fare per lei”, rispondiamo, “buon giorno signora Marina, ho questo problema” e notiamo come cambia la sua voce.

Tutte le volte che ringraziamo qualcuno, il suo cervello fabbrica endorfine, ma anche il nostro e di coloro che hanno assistito a un ringraziamento cortese, entusiasta e fatto bene. Tutte le volte che faccio un complimento a qualcuno il suo cervello fabbrica serotonina, il mio anche e anche quello di coloro che hanno assistito, sempre che sia un ringraziamento sincero, sempre che sia un complimento credibile. Noi possiamo spargere felicità e la felicità ci torna addosso, come una luce riflessa in una serie di specchi che aumenta all’infinito.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
buon umorecomplimentimiracolirelazioni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni