Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Santa Caterina d’Alessandria, la diciottenne che sfidò un imperatore

SAINT CATHERINE OF ALEXANDRIA
Condividi

Il suo acuto ingegno e il modo di ragionare lasciarono l'imperatore interdetto

Quando l’imperatore Massenzio visitò Alessandria alla fine del III secolo, non si aspettava di trovarsi di fronte alla decisa opposizione di una diciottenne di nome Caterina, le cui conoscenze superavano di gran lunga le sue.

Caterina era figlia di Consto, governatore di Alessandria, e si era convertita al cristianesimo a 14 anni. Era stata istruita fin da piccola e conosceva bene la filosofia greca. La sua bellezza e il suo intelletto erano senza pari, e molti avrebbero voluto sposarla, ma nessuno veniva considerato degno di lei.

Durante una visita ad Alessandria, l’imperatore Massenzio organizzò un grande festival pagano e costrinse alcuni cristiani a partecipare, minacciando di ucciderli se non avessero offerto sacrifici agli dèi. Caterina sentì parlare di questa ingiustizia e si presentò immediatamente davanti all’imperatore.

Si oppose con veemenza a Massenzio, che anziché ordinare che venisse uccisa cercò di argomentare con lei. Affascinato dalla bellezza di Caterina, l’imperatore voleva batterla. Resosi conto del suo acutissimo ingegno, riunì 50 retori per sconfiggerla nelle sue argomentazioni.

Lo sforzo fu vano, e le capacità filosofiche di Caterina rimasero imbattute. La ragazza riuscì addirittura a convincere molti dei filosofi, facendoli convertire al cristianesimo.

Questo fatto fece infuriare Massenzio, che non poteva sopportare di essere sconfitto da una diciottenne. Ordinò quindi la morte della ragazza, che venne decapitata.

Dalla sua morte, i cristiani di ogni angolo del mondo sono devoti a Santa Caterina, e il giorno della sua festa è stato addirittura di precetto in Francia fino al XVI secolo. La sua storia eroica resta un’ispirazione per molti, e dà coraggio a chi lotta contro le tante ingiustizie dei nostri tempi.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.