Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconFor Her
line break icon

Amanda Booth sulla copertina di Vogue con il figlio con sindrome di Down: che bello!

AMANDA BOOTH

Jason Connolly - AFP

Silvia Lucchetti - Aleteia Italia - pubblicato il 28/11/17

La cover dell'ultimo numero dell'edizione olandese del giornale di moda mette per la prima volta in copertina una persona con trisomia 21

Una copertina bellissima quella dell’ultimo numero di Vogue Living Olanda che ritrae una mamma, la modella e attrice Amanda Booth, insieme a suo figlio Micah di tre anni, biondo come lei, con trisomia 21.

Un’immagine splendida che rappresenta un’assoluta novità: per la prima volta nella storia delle riviste di moda appare in copertina una persona con la sindrome di down.

View this post on Instagram

@colienarentmeester took my picture with my parents, and now I'm on the cover of this magazine called VOGUE! @vogueliving_nl

A post shared by Micah Quinones (@lifewithmicah) on

«È la prima volta che una persona con la sindrome di Down è in copertina su Vogue. Che onore!» ha commentato felice la modella sui social. Inoltre lei e il marito hanno una seguitissima pagina IstagramLifewithMicah dedicata al figlio, dove condividono i momenti della vita quotidiana di Micah, la bellezza dell’essere genitori, con lo scopo di mostrare come la vita di un bambino con sidrome di down non sia diversa da quella di tutti gli altri.

Anche il papà pieno di orgoglio ha dichiarato: «È meraviglioso. Grazie per avere dato voce ai nostri figli»(Vanityfair.it).




Leggi anche:
Giornata Nazionale delle persone con sindrome di Down 2017

La coppia è impegnata nelle associazioni che si occupano di persone con la sindrome di Down e nell’organizzazione di raccolte di fondi. Si augurano che il loro messaggio possa arrivare a tutti.

View this post on Instagram

Mama et papa at @globaldownsyndrome 💙💛💙

A post shared by Micah Quinones (@lifewithmicah) on

Amanda e Mike Quinones hanno mostrato coraggio fin dall’inizio, infatti dopo aver scoperto la gravidanza non hanno voluto effettuare gli screening prenatali solitamente proposti, perché, ha spiegato la modella «non ci avrebbe cambiato nulla» (Vanityfair.it). Che bello! Non trovate anche voi che sia una scelta controcorrente rispetto ai tempi in cui viviamo?

Così hanno scoperto solo alla nascita di Micah che c’era qualche problema anche se, oltre agli occhi a mandorla, la sua salute non presentava particolari situazioni che facessero immediatamente pensare alla trisomia 21. La diagnosi è arrivata quando il bambino aveva già tre mesi e dopo un momento iniziale di preoccupazione tutto è andato avanti serenamente:

«All’inizio ci siamo preoccupati, abbiamo pensato alle terribili cose cui sarebbe andato incontro. Ma poi, a mano a mano che i giorni scorrevano, ci pensavamo sempre di meno. Il nostro piccolo uomo è così incredibile che io dimentico completamente la sua sindrome di Down»(Vanityfair).

In un’altra intervista al magazine Mothermag.com Amanda ha aggiunto:

«Non sono concentrata a tracciare ogni piccolo progresso di Micah. Viviamo semplicemente la nostra vita, lui è nostro figlio». (Famigliacristiana.it)

“Lui è nostro figlio” una frase scontata forse, quasi banale, semplice, che racchiude però tutta la verità, il mistero della vita e dell’amore.

Qualche volta le copertine delle riviste di moda ci regalano emozioni uniche!

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
modamodellasindrome di down
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni