Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconStile di vita
line break icon

Perchè Don Pino Puglisi è un esempio di resilienza?

Public Domain

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 27/11/17

La sua resistenza è stata la capacità di essere scomodo, tessendo una lotta alla mafia "silenziosa"

Un parroco di periferia, con grandi orecchi e un sorriso disarmante. Un uomo che ha pagato col suo sangue la dimostrazione che il cambiamento è davvero possibile. La sua dolce concretezza – come testimonia chi ha conosciuto Padre Pino Puglisi – ha protetto i bambini e gli adolescenti che le criminalità organizzate volevano sacrificare distruggendone la creatività e il sentimento di efficacia.

Sergio Astori, in “Resilienza” (edizioni San Paolo) accosta il prete siciliano ad un vero e proprio esempio di resilienza.

Padre Pino Puglisi (per tutti i suoi amici “3P”), è stato capace di «accumulare il maggior numero d’informazioni utili, aspettando più che si può, prima di agire», in contro-narrazione rispetto al “presidio del territorio” operato dalle mafie. Forse proprio per questa capacità di “contro-tessitura” 3P è diventato scomodo fino al martirio.

Ucciso in odio al suo ministero sacerdotale

Nelle parole di monsignor Vincenzo Bertolone, vescovo postulatore della causa che il 25 maggio 2013 ha portato alla beatificazione del coraggioso parroco di Palermo assassinato dalla mafia il 15 settembre 1993, giorno del suo compleanno, «il riconoscimento del martirio da parte del Santo Padre significa che don Pino Puglisi è stato ucciso in odio al suo ministero sacerdotale».




Leggi anche:
Don Pino Puglisi, un beato fatto a pezzi?

La verità di Cristo

«La sua azione – prosegue Bertolone – a favore della giustizia, della pace, della dignità, della promozione dei piccoli affinché fossero liberati dalla malapianta della mafia è stata la ragione di fondo per la quale Bagarella, il capo dei capi della mafia, e i Graviano, che erano i capi di Brancaccio, si vedevano togliere il terreno sotto i piedi in quanto la gente non dipendeva più da loro, e don Pino Puglisi doveva essere eliminato perché in quel territorio non ci doveva essere altro Dio che il dio di “Madre natura” cioè la mafia».

E monsignor Bertolone continua: «Non è stato un prete contro, ma per l’uomo, un sacerdote che ha avvertito il bisogno incoercibile di proporre, in ogni modo e con ogni mezzo, la verità di Cristo».




Leggi anche:
Alessandro D’Avenia racconta don Puglisi

La ricetta per vincere la mafia

Per le riflessioni sulla resilienza, 3P è esempio vivo di come si vince la tirannia del tempo vivendo pienamente la propria vita, di come si vince un sistema che controlla con sopruso con la forza di un’inerme debolezza, di come si vince ogni ristrettezza morale e chiusura mentale indicando ai più giovani di guardare con fiducia oltre ogni ristretto confine.

La “strategia” resiliente di Puglisi

Quell’andare e venire di tempi e scelte è proprio della resilienza e il magistrato presso il Tribunale di Caltanissetta Giovanbattista Tona a lo ha riassunto efficacemente in una frase: «Fermarsi, guardarsi indietro, capire che non si è capito e poi riprendere il cammino cercando la direzione, ma senza rinunciare alla strada».




Leggi anche:
Il 15 settembre significa Don Pino Puglisi

  • 1
  • 2
Tags:
beato pino puglisidon pino puglisi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni