Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 11 Aprile |
Domenica dell'Ottava di Pasqua
home iconSpiritualità
line break icon

Quattro domande che vi siete sempre posti sul vostro angelo custode

Thomas Hawk | CC BY-NC 2.0

Sébastien Morgan - pubblicato il 24/11/17

L’angelo custode ci protegge davvero?

L’essere umano non è mai davvero solo. L’angelo si prende cura di lui, e attraverso di lui Dio lo protegge. Il ruolo dell’angelo è in qualche modo quello di elevare la coscienza dell’individuo su cui veglia, di ispirarlo a tornare alla sua consapevolezza nei confronti del Creatore, l’unico capace di portarlo alla vera pienezza dell’anima. La missione dell’angelo è guidarlo verso Dio.

Come? Per le migliaia di sincronicità che riempiono la nostra vita, quelle piccole “coincidenze” che a volte ci sorprendono ma che per la maggior parte del tempo restano discrete, appena percepite. Pazientemente l’angelo, che ci legge come un libro aperto, ci ispira, provoca eventi, suscita sogni, perché siamo nello stato d’animo più propizio per aprirci a Dio. Ci aiuta ad avere successo in un affare? Ad avere un lavoro? Ad avere un incontro amoroso? Solo se questo favorisce la nostra salvezza.




Leggi anche:
Gli angeli custodi di san Francesco d’Assisi

L’angelo custode è innanzitutto un istruttore personale, ci conosce come il palmo della sua mano e sa molto bene come reagiremo probabilmente davanti a questa o quella situazione. “Probabilmente”? Sì, perché con l’esssere umano nulla è certo. Non lo ripeteremo mai abbastanza: il nostro libero arbitrio è totale.

L’angelo, non più di Dio, non ci obbliga a fare nulla. Entrambi restano discreti e silenziosi fino a quando non c’è una forte volontà a lasciarsi guidare. E l’angelo non ci guiderà manipolandoci, ma attraverso suggerimenti indiretti che dovremo accogliere per nostra decisione: “Familiarizzate molto con gli angeli; contemplateli spesso, invisibilmente presenti nella vostra vita, e soprattutto stimate e venerate quello della diocesi a cui appartenete, quelli delle persone con cui convivete e principalmente il vostro; supplicateli spesso, lodateli sempre e servitevi del loro aiuto e del loro ausilio in tutte le questioni, spirituali e temporali, perché cooperino con le vostre intenzioni” (San Francesco di Sales, Introduzione alla vita devota).

Capiamo bene quello che è in gioco. Dio non è un dittatore che desidera avere il massimo dai fedeli per lasciar andare il suo ego a briglia sciolta, e non ci ha affibbiato un commissario politico perché vigili su di noi e ci rimetta in linea con il partito se deviamo dalla via. L’angelo custode non è un agente del KGB.


GUARDIAN

Leggi anche:
L’angelo custode non ci è accanto per evitarci i pericoli

L’essere umano è stato creato da Dio e per Dio, ovvero esiste una parte divina profondamente insita in ciascuno di noi, e questa parte, questo sottile spazio dell’anima, è vuoto, progettato per ricevere energia divina. Per via della Caduta, questa parte di noi si è chiusa alle energie che si supponeva avrebbe ricevuto. Finché non la apriamo di nuovo, finché non diventiamo calice per ricevere la Presenza divina, esiste in noi un vuoto enorme. Possiamo nasconderci, possiamo cercare di dimenticarlo con ogni tipo di distrazioni, ma il senso di vuoto persiste.

L’angelo custode non è un agente, ma un parente affettuoso, un fratello gemello che arde d’amore per l’altro e non desidera che una cosa: che si diriga consapevolemente alla sua Fonte trinitaria, spalancando le porte dell’anima, lasciando che Dio restauri in essa la sua piena dignità.

Cosa succede all’angelo dopo la nostra morte?

Come autentico riflesso della divinità di cui è messaggero, l’angelo custode è presente dal concepimento del bambino fino alla morte e oltre. Messaggero? Sì, lo è. La storia abbonda di angeli custodi che appaiono ai loro protetti per consegnare un messaggio divino.

Dall’altro lato, le nostre preghiere sono sempre portate dal nostro angelo nell’alto dei cieli, perché sono quelle che ci mettono in comunione con il mondo angelico in generale e con il nostro angelo custode in particolare. Origene ha detto al riguardo che “gli angeli si riuniscono accanto a chi prega Dio per unirsi alla sua preghiera”, e Clemente Alessandrino insisteva sul fatto che “[il cristiano], anche se prega solo, ha il coro dei santi sempre [a pregare] con lui”.




Leggi anche:
Cosa fa il mio angelo custode nella mia vita quotidiana?

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
angeli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni