Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconStile di vita
line break icon

Da dove deriva la definizione “luna di miele”?

Shutterstock / Jack Frog

Adriana Bello - pubblicato il 24/11/17

Una storia che non è stata sempre dolce

Partire dopo le nozze è praticamente una tradizione. Alcune coppie chiedono ai familiari come regalo di contribuire a pagare parte delle spese del primo viaggio da sposati. È quasi una routine, ma vi siete chiesti da dove derivi questa pratica?

Non c’è un’origine concreta ed è un concetto che si è evoluto molto col passare degli anni, e quindi mi è sembrato interessante raccontarvi le diverse storie relative alla luna di miele.

Shutterstock / Santorini

Un mese di vino

I primi riferimenti risalgono al V secolo, quando varie civiltà prendevano le fasi della luna come calendario. I fidanzati dovevano bere il “mead” (una bevanda alcolica a base di miele) nella prima luna come coppia, visto che aveva presunte proprietà afrodisiache e questo poteva aiutare a concepire il primo bambino.

In base a ogni cultura, i dettagli potevano cambiare. Nel caso della cultura babilonese, ad esempio, il padre della sposa doveva dare al genero birra al miele durante un intero ciclo lunare dopo la cerimonia, mentre nell’antica Roma era la madre che nel primo mese lasciava miele tutte le sere nella stanza degli sposi per dar loro energia per poter concepire.

Poeti inglesi

I letterati britannici usarono la definizione “luna di miele” a metà del XVI secolo in vari poemi, ma intendendo non un viaggio, quanto un modo (un po’ pessimista) per descrivere quel breve periodo di tempo successivo al matrimonio in cui i neosposi vedevano tutto bello e dolce, ma come la luna poteva cambiare e la relazione poteva diventare distante, fredda e misteriosa.

  • 1
  • 2
Tags:
matrimoniospositradizioni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni