Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconStile di vita
line break icon

Il “tè gesuita”: la storia del mate

AP Photo | DyN

Daniel R. Esparza - pubblicato il 17/11/17

I Guarani non avrebbero mai immaginato che la loro erba leggendaria sarebbe arrivata fino in Medio Oriente

La parola “mate” – o “mati” – significa “zucca” nella lingua Quechua, parlata da un popolo nativo americano nell’America Centrale e Meridionale. In origine si riferiva a un recipiente da cui i popoli nativi bevevano quello che oggi è l’infuso più comune in Uruguay e Argentina, popolare (anche se meno) in Paraguay, Cile, Brasile meridionale e Bolivia – e perfino in Libano e Siria.

Prima che gli europei arrivassero in America e avviassero il processo di colonizzazione, i Guarani consumavano già il mate: masticavano le foglie, o usavano una canna per bere un infuso dell’erba da un recipiente fatto con una particolare varietà di zucca.

Louai Beshara | AFP
Anche in Siria e in Libano il mate è consumato quotidianamente. La pratica è stata introdotta dagli emigrati in Sudamerica poi ritornati, che hanno portato con sé questo costume.

Anche in Siria e in Libano il mate è consumato quotidianamente. La pratica è stata introdotta dagli emigrati in Sudamerica poi ritornati, che hanno portato con sé questo costume.

Anche se gli europei hanno acquisito familiarità con questa pianta verso il 1500, solo nel XVII secolo i Gesuiti hanno iniziato a coltivarla su scala più ampia. Se all’inizio i sacerdoti rifiutavanno l’abitudine dei popoli indigeni di bere continuamente mate, alla fine l’hanno adottata anche loro, diventando i principali diffusori della pianta dei Guarani.

Juan Mabromata | AFP
L'Argentina è attualmente il principale produttore di mate al mondo, seguita da Brasile e Paraguay, anche se l'Uruguay e il Cile sono i maggiori consumatori di mate in Sudamerica dopo l'Argentina.

I Gesuiti hanno intensificato la coltivazione di mate usando tecniche di coltivazione e irrigazione e organizzando il lavoro dei popoli nativi nelle missioni gesuite.




Leggi anche:
Dal Giappone tutte le proprietà del tè Matcha!

Nel XVII e nella prima metà del XVIII secolo, la coltivazione e l’esportazione di questa erba ha raggiunto il picco massimo, e il mate si è guadagnato il soprannome di “oro verde”.

Dopo l’espulsione dei Gesuiti dalle colonie spagnole nel 1767, la produzione di mate nelle piantagioni è crollata, ma questo non ha intaccato la passione della gente per il mate, diventato ormai molto popolare. Per far fronte alla domanda, all’inizio del XX secolo l’Argentina ha avviato la coltivazione industriale del “tè gesuita”.

Il mate, un gusto mondiale

L’infuso guarani, chiamato in Libano “yer-bahmah-tay”, in Paraguay “tereré” e in Brasile “chimarrão”, è un piacere quotidiano che si può gustare caldo o freddo. Secondo la tradizione, i vari modi in cui viene servito il mate hanno significati differenti: servito caldo suggerisce amore ardente, bollito indica odio, freddo suggerisce disprezzo, mentre addolcito indica l’amicizia.

Chiamato originariamente “Caá-Mate” (Zucca-Erba) dai Guarani, la bevanda sembra essere qualcosa di più di un semplice infuso, e visto l’entusiasmo di chi lo beve potremmo chiederci se non sia vero quello che dicevano i Guarani, ovvero che si trattasse di una pianta magica.

Patrick Escudero | Hemis | AFP

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
gesuiti
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni