Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Giulia Michelini: «Mio figlio mi ha salvato la vita»

GIULIA MICHELINI
EVREN ATALAY - ANADOLU AGENCY
ROME, ITALY - FEBRUARY 27: Actress Giulia Michelini poses to the media during the Turkish Director Ferzan Ozpetek's new movie ''Allacciate le Cinture" promotion in Rome, Italy on February 27, 2014. Evren Atalay / Anadolu Agency
Condividi

L'attrice scopre di essere incinta all'età di 19 anni, decide di abortire ma poi cambia idea contro il parere della sua famiglia

“Credo mi abbia salvato la vita”

La scelta di portare avanti la gravidanza la responsabilizza, le dona forza e coraggio e… le salva la vita:

«Sentivo che questa decisione dava una definizione ai miei contorni, mi consentiva di vedermi, di esserci. In quel momento forse avevo bisogno di sentirmi viva. A quell’età non desideravo un figlio, volevo indipendenza, sentirmi libera di andare come un treno, ma questo bambino, dandomi un peso specifico, credo che mi abbia salvato la vita. Ha allontanato la mia parte autolesionista, senza di lui è probabile che mi sarei persa». (Vanity Fair)

La famiglia non è d’accordo ma…

I genitori non reagiscono positivamente alla sua decisione ma questo non frena Giulia…

«(…) all’epoca mi è pesato andare contro la famiglia. È stata la prima grande decisione della mia vita. Sono andata via di casa e per sei mesi non ci siamo parlati. Poi, quando ha iniziato a spuntarmi la pancia, si sono riavvicinati. (…) Oggi mio figlio è la luce dei loro occhi, non so come farebbero se non ci fosse; e non so come farei io senza di loro, perché mi hanno aiutata tantissimo: quando lavoro, Cosimo sta con i miei genitori». (Vanity Fair)

Quando una madre in difficoltà non abortisce, non salva solo il bambino che porta in grembo, ma anche se stessa, che verrebbe prima o poi lacerata dal trauma di aver soppresso la vita del proprio figlio.

E poi… un Bambino ci ha già salvato tutti: è la storia dell’umanità!

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni