Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quando Benedetto XVI si scagliava contro i profili fake in Rete

Anonyous
Condividi

Il più grave forse è andare in giro con una falsa identità, questo mina la comunicazione fin dall'inizio ed è pericolosa per gli utenti inesperti

Papa Benedetto XVI nel suo messaggio per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali del 24 gennaio 2011 analizzava criticamente, ma senza demonizzarlo, il mondo della comunicazione dopo l’avvento di internet e soprattutto dei social network:

Come ogni altro frutto dell’ingegno umano, le nuove tecnologie della comunicazione chiedono di essere poste al servizio del bene integrale della persona e dell’umanità intera. Se usate saggiamente, esse possono contribuire a soddisfare il desiderio di senso, di verità e di unità che rimane l’aspirazione più profonda dell’essere umano.

Un occhio di riguardo però per il Pontefice andava destinato a chi – di quel nuovo continente – era inesperto quando di vita, con pochi filtri e molte insicurezze i giovani per Benedetto XVI andavano accompagnati ed educati alle nuove tecnologie mediatiche:

Soprattutto i giovani stanno vivendo questo cambiamento della comunicazione, con tutte le ansie, le contraddizioni e la creatività proprie di coloro che si aprono con entusiasmo e curiosità alle nuove esperienze della vita. Il  coinvolgimento sempre maggiore nella pubblica arena digitale, quella creata dai cosiddetti social network, conduce a stabilire nuove forme di relazione interpersonale, influisce sulla percezione di sé e pone quindi, inevitabilmente, la questione non solo della correttezza del proprio agire, ma anche dell’autenticità del proprio essere. La presenza in questi spazi virtuali può essere il segno di una ricerca autentica di incontro personale con l’altro se si fa attenzione ad evitarne i pericoli, quali il rifugiarsi in una sorta di mondo parallelo, o l’eccessiva esposizione al mondo virtuale. Nella ricerca di condivisione, di “amicizie”, ci si trova di fronte alla sfida dell’essere autentici, fedeli a se stessi, senza cedere all’illusione di costruire artificialmente il proprio “profilo” pubblico.

La domanda nel mondo post-Facebook però resta non dissimile da quella di sempre:

Chi è il mio “prossimo” in questo nuovo mondo? Esiste il pericolo di essere meno presenti verso chi incontriamo nella nostra vita quotidiana ordinaria? Esiste il rischio di essere più distratti, perché la nostra attenzione è frammentata e assorta in un mondo “differente” rispetto a quello in cui viviamo? Abbiamo tempo di riflettere criticamente sulle nostre scelte e di alimentare rapporti umani che siano veramente profondi e duraturi? E’  importante ricordare sempre che il contatto virtuale non può e non deve sostituire il contatto umano diretto con le persone a tutti i livelli della nostra vita.

Ecco quindi che è bene fare nostre queste riflessioni e aggiungere che il nostro comportamento sulla Rete non dovrebbe essere dissimile da quello che teniamo in piazza o nel nostro condominio. La sensazione di invincibilità e di distanza da tutto e tutti non dovrebbe mai farci dimenticare che siamo cristiani e cittadini, rispetto e amore per il prossimo dovrebbero essere alla base della comunicazione cristiana sul web. Ma allora perché non è così?

Un profilo falso sulla rete mina la reciprocità, spacciarsi per chi non si è non è diverso dal “dire falsa testimonianza”. In una epoca in cui l’identità è così precaria, strapparla a qualcuno equivale a “rubare“. Intervenire su una pagina per insultare e denigrare appare distante in maniera siderale dal comandamento evangelico “fai agli altri quello che vuoi venga fatto a te“. L’uso della rete per l’abuso della pornografia non è lontano dal “commettere atti impuri” e del resto non si fa altro che rendere oggetto il prossimo e soprattutto desiderandolo come se fosse una parte di noi, reificandolo.

Visto che quindi la rete e i social network sono un terreno complicato e insidioso vi diamo qualche dritta, visto che di lupi in agguato ce ne sono parecchi…

  1. Non ci sono motivi per cui dobbiate conoscervi.
    Forse non ci si riflette mai abbastanza, ma una buona domanda da farsi è: Perché mai mi ha aggiunto?
  2. Il profilo è stato appena creato.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.