Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconSpiritualità
line break icon

Un miracolo scioccante nel deserto egiziano

Lumen Roma | CC By 3.0

Philip Kosloski - pubblicato il 16/11/17

Un monaco stava celebrando la Messa e non si aspettava di vedere questo...

Nel III e nel IV secolo, molti uomini e molte donne sono stati ispirati dall’esempio di un umile eremita ora noto come Sant’Antonio Abate e hanno lasciato tutto ciò che avevano per condurre una vita di preghiera e contemplazione nel deserto egiziano.

Uno dei centri principali di questo tipo radicale di esistenza monastica era un’area nota come Scetis, situata nella zona nord-occidentale del delta del Nilo. Secondo un antico documento intitolato Detti dei Padri del Deserto, in quella comunità viveva un monaco che aveva dei dubbi sulla presenza di Gesù nell’Eucaristia a Messa.

Avrebbe detto agli altri monaci: “Il pane che riceviamo non è davvero il Corpo di Cristo, ma un simbolo di quel Corpo”. Constrastato da alcuni membri della comunità monastica replicò: “Senza prove non cambierò idea”.

Durante una Messa domenicale in cui il monaco stava pronunciando le parole di consacrazione sull’Ostia eucaristica, tra le sue mani al posto del pane consacrato apparve un bambino. Il monaco capì che il bambino era Gesù, e mentre se lo accostava alla bocca tornò ad essere ostia. Di fronte a questo miracolo inaspettato, il monaco dichiarò: “Signore, credo che il Pane sia il Tuo Corpo, e che nel calice ci sia il Tuo Sangue”.

Questo miracolo ci ricorda un legame simile che molti uomini e donne santi hanno espresso nel corso dei secoli. Credevano che ogni Messa fosse come Natale, quando Cristo scende dal cielo per venire sui nostri altari. In questo modo, ogni giorno è un giorno di Natale, in cui Gesù Cristo “abita tra noi” nelle sembianze del pane.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
desertoegittomiracoli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni