Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La toccante ultima lettera di una madre morente alla figlia

Condividi

Parole di saggezza per tutti noi

Quando Peggy Summers ha scoperto di avere un cancro in fase terminale a 55 anni, sapeva di dover svolgere un ultimo dovere come madre: impartire la sua saggezza ai figli – a livello pratico, emotivo e soprattutto spirituale. Prima di morire, è quindi riuscita a scrivere una lettera a ciascun figlio, inclusa la figlia adolescente Hannah.

La lettera era così toccante che Hannah, che studia per diventare infermiera, ha deciso di condividerla sul suo account Twitter, con un messaggio per chi la segue: “Per favore, abbracciate un po’ di più i vostri genitori e non dateli mai per scontati, perché non sapete mai quando potreste perderli”.

Hannah ha spiegato a  The Telegraph di aver deciso di condividere la lettera della madre perché “più la leggevo più sentivo di doverlo fare”. “Non c’è esempio migliore del tipo di persona che era mia madre – tanto attenta agli altri e che si preoccupava prima degli altri che di sé”.

Hannah ha anche riconosciuto quanto debba essere stato difficile a livello sia fisico che emotivo per la madre scrivere quelle lettere strazianti a ciascuno dei suoi figli, ma “lo ha fatto perché si preoccupava molto più di noi che di se stessa”.

È una lettera innanzitutto di amore e comprensione, di guida gentile e accettazione, uno splendido dono finale da parte di una madre amorevole. Possiamo solo trarre conforto dal fatto che Peggy non sarà mai lontana, come ha scritto lei stessa: “Sorriderò con te in tutti i momenti importanti della tua vita”.

Vale la pena di leggere tutta la lettera, perché siamo certi che offra parole di saggezza a tutti noi:

“Hannah,

se stai leggendo questa lettera vuol dire che l’intervento non è andato bene. Mi dispiace così tanto… Ho fatto del mio meglio per sconfiggere questa malattia terribile, ma immagino che Dio avesse altri progetti per me. Ti prego di non essere arrabbiata, nella vita accadono cose brutte e dobbiamo imparare ad affrontarle indipendentemente da quanto fa male. Voglio che tu sia felice e usi i doni che Dio ti ha fatto.

Sarai un’infermiera meravigliosa perché sei una persona meravigliosa. Studia sodo, non preoccuparti del lavoro. Se vuoi lavorare d’estate bene, ma devi concentrarti sullo studio.

Sii paziente con Papà, sarà difficile per lui e avrà bisogno di tempo. Ciascuno di voi deve contare sull’altro e parlare molto. So che non è uno dei nostri punti forti, ma provaci e non gettare la spugna. Ricordati che ci sono molte persone che ti vogliono bene, e allora parlaci spesso.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.