Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconArte e Viaggi
line break icon

Quando vi viene fame... i “matefaims” del curato d'Ars

Shutterstock /somemeans

Maria Paola Daud - pubblicato il 15/11/17

Una ricetta semplice e umile, proprio come San Giovanni Maria Vianney

San Giovanni Maria Vianney nacque in una famiglia estremamente povera. Quando venne ordinato sacerdote evitò qualsiasi comodità, riducendo le proprie necessità materiali al minimo indispensabile e assumendo la povertà come grande virtù da vivere bene.

Il curato d’Ars non aveva compiuto grandi studi teologici, e dedicò il suo ministero alla confessione, alla preghiera e alla meditazione, trascorrendo ore e ore davanti al Santissimo Sacramento.

Sopportava facilmente lunghi digiuni come offerta per i peccati delle anime. Aveva sempre presente il passo evangelico che dice “Questa specie di demòni non esce se non per mezzo della preghiera e del digiuno” (Mt 17,21).

Si manteneva con tre patate per tutta la settimana, e a volte arrivava a mangiarle ammuffite perché erano state cucinate da vario tempo. Di tanto in tanto mangiava i famosi matefaims (ammazzafame), accompagnati da un po’ d’acqua.

I matefaims erano fatti con un po’ di farina, un uovo, acqua e sale. La ricetta che vi proponiamo oggi è una variante un po’ più gustosa di quella del curato d’Ars.

Ingredienti:

250 g di farina

70 g di zucchero

2 uova

4 cucchiai di latte

2 cucchiai di rum

100 g di burro

Preparazione:

In un recipiente mescolare la farina e lo zucchero, poi aggiungere le uova sbattute in precedenza, il latte e il rum. In una padella far sciogliere il burro e cucinare piccole porzioni del preparato finché non sono dorate. Spolverare con zucchero a velo e servire calde.

Se volete che i vostri matefaims siano più gustosi, potete aggiungere al preparato due mele grattugiate o uva passa imbevuta nel rum.

Come faceva San Giovanni Maria Vianney a digiunare a lungo? Uno dei suoi pensieri ci dà uno spunto: “La grazia di Dio ci aiuta a camminare e ci sostiene. Ci è necessaria come le stampelle per uno storpio”.

Fonte: Importunate il buon Dio. Pensieri e discorsi del curato d’Ars, G. Rossé; In cucina con i santi. Ricette di cielo e di terra, Andrea Ciucci, Paolo Sartor.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
ciboSanti
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni