Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Conosci la fiaba delle mani di Dio del grande poeta Rainer Maria Rilke?

Condividi

E' un racconto su Dio e su come sia difficile tenere sotto controllo…la sua Creatura

Tredici racconti che indagano sul rapporto tra Dio e l’uomo. Sul Creatore e l’irrequietezza della sua Creatura.

“Storie del buon Dio” (edizioni Paoline)del poeta e scrittore boemo Rainer Maria Rilke, tra ironia e delicatezza descrive l’origine dell’Uomo e la difficoltà di Dio a capire la sua creazione. E lo fa soprattutto con una delle fiabe più belle dal titolo: “Il racconto delle mani di Dio‘”.

L’autore dialoga con la sua vicina che gli dice come spesso le sue figlie le chiedano curiosità su Dio. «Il buon Dio parla anche cinese?», e ancora: «Com’è fatto il buon Dio?”. «Oppure domandano delle mani del buon Dio, ma com’è possibile? ».

La donna fatica a rispondere e a “compensare” ci pesa Rainer-narratore che le spiega quanto sia stato difficile concepire l’uomo…proprio con le sue mani…

Il litigio tra le mani

Mentre lo modellava d’un tratto Dio scorse qualcosa precipitare nello spazio: era una cosa scura, che dalla direzione sembrava provenire dal suo fianco.

Colto da un brutto presentimento, richiamò le mani. Queste gli apparvero coperte d’argilla, calde e tremanti.

– Dov’è l’uomo? – gridò loro.

Allora la destra inveì contro la sinistra:

– Sei stata tu a lasciarlo!

– Un momento, – replicò con forza la sinistra. – Sei stata tu a voler fare tutto da sola, senza lasciarmi neppure fiatare.

– Proprio per questo avresti almeno potuto tenerlo stretto!

E la destra si levò, ma poi si calmò e le due mani, stringendosi insieme, spiegarono:

– L’uomo era così impaziente! Continuamente si divincolava per poter vivere subito. Non potevamo fare nulla, siamo innocenti, credici.

La rabbia di Dio

Il buon Dio era però molto arrabbiato. Respinse con stizza le mani dal suo cospetto, perché gli impedivano la vista della terra.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni